Recensione Kees Invictus Dedalus HDMI

Recensione #75 – L’esperienza di Kees – Ricable Review

Icona Ricable Review
Il mio Ricable

Kees van V.

Sorgenti: Lettore CD Preamp QUAD Artera Play+; Meccanica di lettura Denafrips Avatar; Lettore Blu-ray Reavon UBR-X200; Lettore Blu-ray Panasonic DP-UB9004

Amplificatore: Preamplificatore Marantz SR5015; 2x Finali QUAD Artera Stereo; 2x finali QUAD II Tube

Diffusori acustici: QUAD ESL63.2 QA; QUAD ESL57 QA

Altro: 2x QUAD Subwoofer; Centrale Mission M3C2; Smart TV LG OLED77C9PLA

La seguente recensione dei cavi HDMI, Dedalus e Invictus è il frutto dell’iniziativa “Ricable Review”. Ricable Review è il programma ideato da Ricable, nato per raccogliere feedback dagli audiofili, al fine di portare a un continuo miglioramento dei prodotti presenti nel catalogo. Ultimo ma non meno importante, coloro che aderiscono al programma ricevono a casa un attestato, con lo scopo di attestare come il cliente sia entrato a tutti gli effetti a fare parte della “famiglia Ricable”.
Il seguente Feedback è stato realizzato sulla base di un questionario predefinito a cui l’utente ha restituito le proprie impressioni, in maniera completamente libera. Ringraziamo Kees per il tempo che ci ha dedicato.

What made you choose Ricable?

First I have to state that I’m not a technician, don’t have very much knowledge how everything works, just a guy who writes a review based on his own seeing and hearing and experience for many years. I don’t have any personal or financial involvement in Ricable at all. I’m writing this review out of my own free will and also because Ricable has asked me very nicely if I would like to write a review and to become a member.
Before I start my review that made me choose Ricable something to say to my personal opinion and experience in general.
Does a perfect sound system exist? What is a perfect sound system? How does it sounds like? When are you satisfied what you want to achieve? Wouldn’t that be all a matter of personal taste? And last but not least what do you want to spend on your hi-fi sound system?

Recensione Kees Invictus Dedalus HDMI

When you’re lucky and got tickets for a live concert you have a reference what music sounds like. Especially listening to classical music in a concert hall is a good experience how an orchestra sounds performing a symphony with all the finesses and timbre of the individual instruments and when the full orchestra is playing. All so balanced, refined, crisp and clear.
Then you start thinking would it be possible to achieve the same in my living room? Simple answer: No. Would it be possible to come some closer to the original sound: Yes.
It all starts with the source: The recording of music. When a recording is good the music sounds good on your loudspeakers whether the recording is put on a vinyl record, a CD or a (Blu-ray) DVD. When the recording is bad the output of your loudspeakers sounds also bad. I’m still wondering how it’s possible that there are highly respected record label firms who exist more than 70 years one makes excellent recordings from the beginning and the other one, even with the nowadays technical possibilities, is still able to make recordings which sound like the microphones were placed behind 2 layers of velvet curtains. Strange.
Then your hi-fi equipment e.g. amplifiers, loudspeakers, CD and Blu-ray players, DACs. There is so many to talk about and to choose. And yes one and the other could make a great difference, even more affordable equipment could still sound better than highly priced components. One aspect I didn’t mention yet, the acoustic in the room you are listening to your music and the placing of your loudspeakers could make a hell of a difference. Apart from some loudspeakers the majority of the loudspeakers require space at the rear for reflection. You create more depth. So don’t place your speakers directly to the wall. The distance between the placing of your loudspeakers as well as the angle may bring a lot of more balance to the sound. Also your furniture. curtains and a carpet on the floor or a wooden floor have influence on the acoustic.You need to try out and listen carefully what suits you best.
Now I come to my review on the Ricable cables. Although I’m absolutely satisfied and enjoy my hi-fi components very very much, I still miss the balance and the finesses of the real sometimes. It always looks like that the left channel is a bit louder than the right channel, not in balance. Honestly I was never interested in hi-fi cables because I had some bad experiences with quite expensive HDMI cables which were highly recommended by lots of enthusiastic music lovers. Well I bought 4 cables. First of all I couldn’t hear or see any difference compared to the cables of EUR 20,00, moreover all these 4 HDMI cables broke down completely between a period of 14 to 20 months. Useless and a waste of good money.
Surfing on the internet web my attention was caught by a man who spoke highly of Ricable HDMI cables which made a great difference to his hi-fi system. I’d never heard or read about this Italian firm. Being curious though I consulted the website of Ricable. I was interested immediately. What a great choice of cables, very well accomplished with information and for me important a lifetime warranty and very good buying conditions. However I was a bit shocked by the prices and scratched behind my ears, should I buy these cables? Quality may have its price. I had a nice chat with Dario and Sergio and got excellent advice.
Well the top best industrial and technical products are made in the northern part of Italy. Being a bit reluctant still I decided to buy the Supreme HDMI. After all, the Italian people have a great taste in designing, wining and dining and the proof of the pudding is in eating. I received the cable within the expected time frame of 2-3 days. It was very well packed. After unpacking I connected the HDMI cable directly to the Apple 4K TV and the Marantz SR5015 amplifier to start and experience with.
Within a second I was overwhelmed by the sound and video. Wow what an improvement this HDMI cable makes. This decided me to buy the top of the range and more expensive HDMI cable, the Visus HDMI.
After receiving, unpacking and connecting the Visus cables to my Panasonic Blu-ray player, the Reavon Blu-ray player as well as the LG television to the Marantz amplifier I was even more amazed. Is this really possible with hi-fi cables? Yes and even better in sound and video than the Supreme cable. Would there be more possible? After reading about speaker cables, reviews of other customers and chatting with Dario I decided to buy the Invictus Speaker Reference to connect my QUAD ESL63.2 QA electrostatics and the QUAD subwoofers as well as the Invictus Signal to connect the QUAD Artera stereo amplifiers to the Marantz pre-amplifier. Yes another improvement to the sound, which I’ll explain in chapter 3 and 4 of the questionnaire. Then I bought the Invictus Coaxial to connect the Denafrips Avatar CD player to the Marantz amplifier. Again a great improvement in sound. What could be possible more? The cable I hadn’t changed yet was the power cable and really these cables cost a fortune. Ricable also sells used and guaranteed cables. There was a Invictus Power VP35 available of half the price, just the one I wanted to buy. The results were amazing, which you can also read about in chapters 3 and 4.
Since my setup of the QUAD Artera Play+, the QUAD II Tube amplifiers and the QUAD ESL57 QA electrostatics is a stand alone I started with the Dedalus Signal to connect these amplifiers to the Artera Play+ pre-amplifier/CD player. I decided for the Dedalus instead of the Invictus because of the length of the cables I needed which were not available in the Invictus series*. I can only say: The results in sound improvement were also amazing, again, it sounds a bit dull, to be explained in chapter 3 and 4 of the questionnaire.

*Note: On special request and additional costs longer cables can be made.

Recensione Kees Invictus Dedalus HDMI
What do you think about the constructionand the aesthetics of the product?

On the website of Ricable the photos of the cables look great, yet it is still a photo. In reality the aesthetics are beyond my expectations. I like the different kind of colors Ricable is using for the different quality ranges of the cables in the series of products. When you’re not so fond of different colors Ricable also offers to provide all your cables in the same color.
The cables are so well constructed, I’ve never seen this up till now. The pure golden connections are so well built, solid and very nicely put into the outer layer of the cable. The materials are great.

The cables weigh quite something and are stiff, however have some flexibility at the same time, very solid. Special attention I give to the Invictus power cable. This cable weighs a ton and is so thick you can moor an oil tanker at the quay.
Due to the power cable I needed to re-arrange some of my hi-fi components in the in and outside of the hi-fi furniture. Keep that in mind before buying. The cables are very nicely packed in a box, especially the speaker and power cable boxes which look like a jewelry box. Don’t throw the boxes away. It would be a waste and a pity. You might be needing the box whenever you decide or need to return the cable to Ricable in Italy. When not needed you can always keep your jewelry in it.

How did you do the tests? What tracks did you use to test the cable?

As I wrote in chapter 1 my first amazing impression in sound and video improvement was the Supreme HDMI cable which I connected to the Apple TV and Marantz amplifier. Then I tested this cable on the 2 Blu-ray/CD players. Same results in quality improvement of sound and video. For testing I always use the same Blu-ray DVD’s, a DVD and CD’s. These are respectively:

  • Johann Sebastian Bach: Brandenburg Concertos Nos. 1-6 performed by the Orchestra Mozart and conducted by Claudio Abbado
    • testing: concerto no. 1, 4 and 6
Recensione Kees Invictus Dedalus HDMI
  • Gustav Mahler: Symphony No. 2 by the Royal Concertgebouw Orchestra conducted by Daniele Gatti
    • testing: part I > Allegro maestoso and part IV and V > Urlicht. Sehr feierlich. Aber schlicht / “Auferstehn”
  • Hector Berlioz: Symphonie Fantastique by the Royal Concertgebouw Orchestra conducted by Daniele Gatti
    • testing: part IV > Marche au supplice and part V > Songe d’une nuit du Sabbat
  • Claude Debussy: Prélude à l’après-midi d’un faune and La Mer
  • Igor Stravinskij: Le Sacre du printemps; both by the Royal Concertgebouw Orchestra conducted by Daniele Gatti
    • testing: parts of the Préludes of Debussy and parts of Le Sacre of Stravinskij
  • Ludwig van Beethoven: Symphonies 1-9 by the Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks, conductor Mariss Jansons
    • testing: Symphony no. 7 and 9
  • Fryderyk Chopin: The Piano Concertos, performed by the Warsaw Philharmonic Orchestra, soloists: Nikolai Demidenko (No. 1)
  • Evgeny Kissin: Piano Concerto No. 2, conductor Antoni Wit
    • testing: Concerto no. 2
  • Johann Sebastian Bach: Brandenburg Concertos Nos. 1-6 performed by the Freiburger Barockorchester
    • testing: concerto no. 1, 4 and 6
  • Georg Friedrich Händel: Concerti Grossi, Op. 3 performed by the Händel & Haydn Society, conducted by Christopher Hogwood
    • testing: concerto no. 1 and 6
  • Gustav Mahler: Symphony No. 2 performed by the Chicago Symphony Orchestra, conducted by Sir Georg Solti
    • testing: part I, IV and V
  • Jean Sibelius: 7 Symphonies by the Oslo Philharmonic, conducted by Klaus Mäkelä (a very recent recording)
    • testing: Symphony no. 1

Compared to my old HDMI cables the quality improvement of the Supreme HDMI cable in sound is the balance, and the music is more crisp, clear and detailed; the improvement of quality in video is the brightness, sharpness and colors.
The Visus HDMI cables go beyond this all. Better in all the aspects I mentioned. The Invictus Reference loudspeaker cable, the Invictus Signal RCA cable and the Invictus power cable give the extra boost to the closest approach to the natural sound.
The Invictus coaxial cable and the Dedalus Signal RCA cables also give you the balance and transparency of the music. Such a great improvement. So nice to listen to.

Recensione Kees Invictus Dedalus HDMI
What were yours listening impressions?

Some parts I already explained in general in chapter 3. Now the details of the improvement of quality in sound and video.
For testing I always start with the Blu-ray of the Brandenburg Concertos of J.S. Bach. The video part is literally quite dark you can hardly see how the concert hall and audience look like. The authentic horns could sound too sharp sometimes, likewise the piccolo and recorder.
The 2nd test is the Blu-ray of Mahler’s Symphony No. 2 for the huge dynamic in this music and the beginning of the first part when all the double basses start to play. Then followed by the other parts of this symphony with the choirs and percussion.
The 3rd test is part IV and V of the Symphonie Fantastique of Berlioz also for its dynamic and the majestical music as a whole.

I test the latter ones especially, because I was in the audience during these live recordings in the Amsterdam concert hall. This concert hall is famous for its very special acoustic. That is a real good reference how classical music sounds. To get this in your living room, well………….?
These 3 tests are followed by the other music mentioned in chapter 3, old and recent recordings to compare using the Ricable cables.
The video part.
In one word: WOW! So much brightness and clarity, it looks like a whole bunch of spotlights were put on stage and in the concert hall. Now the concert hall and audience are visible during the performance of the Brandenburg concertos, amazing how the hall is decorated with golden colors. This brightness and clarity apply for all the recordings. During close ups of the musicians e.g. you can see the difference of the fabrics of the clothing. Most of the time they wear black. And one black of a dress or a tailcoat is not the same as the other black, more like 50 shades of black.
It’s all so bright and refined, it almost looks like 3D, yet in a real complete natural way. Regular TV broadcastings, movies, nature films, whatever you mention it doesn’t matter. People can step out from the screen directly into your living room, so clear, refined and natural.
The sound part.
In one word again: WOW! The balance is so good, the deepness, the acoustic of the concert hall, the finesses and timbre of the instruments are amazing, whether it’s a solo instrument or an orchestra.
Now the horns, piccolo and recorder of the authentic instruments on the Brandenburg Concertos sound absolutely wonderful. So great to listen to the 2 horns and clarinet together in the 1st concerto.
Listening to the Mahler symphony, I was flabbergasted how these doubles basses sound, the alto and soprano, the choirs so clear that you can hear what they are singing. The huge dynamic to the music is thrilling and breathtaking. Wow.
Then part IV and V of the Symphonie Fantastique of Berlioz. Listen to all the pizzicatos of the violins, all the other strings, the full set of all wind instruments in combination with the bombastic percussion, the bells and than the little piccolo that rises above it all. The music itself might be a little bit bold and grotesque to someone perhaps, however marvelous when you hear it all together and hear every detail. Goosebumps.
At the other tests of the cables the same results. Transparency, depth, acoustic, balance, finesses and timbre, all is there even on the old recordings of the selected CD’s.
But not just the selection above. The CD’s of Ella Fitzgerald’s Song Books and The Reprise Years of Frank Sinatra e.g., incredible how these sound. The timbre of the voices so wonderful and warm. Love it.

Your conclusions.

I’ll try to keep it short this time. All depends how you would like to listen to your favorite music or want to view your favorite movie. It is a combination of personal taste, acoustic in your living room, the money you want to spend, the goal you want to achieve and all the hi-fi equipment together. An absolutely perfect sound system doesn’t exist whatever amount of money you’re putting into it.
Whenever you doubt about your equipment consider to buy the Ricable cables. It might save you for spending a lot of money. You’ll be astonished what these cables are capable of. This specialized company offers a great variety of cables all in a different price range. Consult the webpages of Ricable and ask for information. Chats are answered by instant, they give great advice and it’s a joy chatting with these people.
The conditions are wonderful, the state of deliveries are to be followed by the weblink of the courier you’re provided, their kind of service is a reference.
My final conclusion.
To keep it to the dining, the HDMI cables, the Coaxial and the Signal RCA cables are the whole cake and the Loudspeaker cables and Power cables are the icing of the cake.
I can only say from the bottom of my heart: Thank you, thank you, thank you, you great people of Ricable for bringing so much joy into the (hi-fi) world.

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

What did you enjoy?

– Audio and video performance
– Aesthetics
– Construction of the cables with top materials
– Value for money
– Conditions, lifetime warranty, service

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

What would you improve?

– Nothing



Cosa ti ha fatto scegliere Ricable?

Per prima cosa devo affermare che non sono un tecnico, non ho molta conoscenza di come funziona tutto, solo un tale che scrive una recensione basata sulla sua visione, sul suo udito e sulla sua esperienza per molti anni. Non ho alcun coinvolgimento personale o finanziario in Ricable. Scrivo questa recensione di mia spontanea volontà e anche perché Ricable mi ha chiesto molto gentilmente se volessi scrivere una recensione e diventare un membro.
Prima di iniziare la mia recensione che mi ha fatto scegliere Ricable ho qualcosa da dire sulla mia personale opinione ed esperienza in generale.
Esiste un impianto audio perfetto? Cos’è un sistema audio perfetto? Come suona? Quando sei soddisfatto di ciò che vuoi ottenere? Non sarebbe tutta una questione di gusti personali? E, ultimo ma non meno importante, cosa vuoi spendere per il tuo sistema audio hi-fi?

Recensione Kees Invictus Dedalus HDMI

Quando sei fortunato e hai i biglietti per un concerto dal vivo, hai un riferimento su come suona la musica. Soprattutto ascoltare musica classica in una sala da concerto è una bella esperienza di come suona un’orchestra che esegue una sinfonia con tutte le finezze e il timbro dei singoli strumenti e quando suona l’intera orchestra. Tutto così equilibrato, raffinato, nitido e chiaro.
Quindi inizi a pensare che sarebbe possibile ottenere lo stesso nel mio salotto? Risposta semplice: no. Sarebbe possibile avvicinarsi un po’ al suono originale: sì.
Tutto parte dalla fonte: la registrazione della musica. Quando una registrazione è buona, la musica suona bene sui tuoi altoparlanti, sia che la registrazione sia su un disco in vinile, un CD o un DVD (Blu-ray). Quando la registrazione è scadente, anche l’uscita dei tuoi altoparlanti suona male. Mi chiedo ancora come sia possibile che esistano case discografiche molto rispettate che esistano da più di 70 anni, una fa registrazioni eccellenti fin dall’inizio e l’altra, anche con le possibilità tecniche odierne, è ancora in grado di fare registrazioni che suonano come se i microfoni fossero stati posizionati dietro 2 strati di tende di velluto. Strano.
E poi la tua attrezzatura hi-fi, ad esempio amplificatori, altoparlanti, lettori CD-Blu-ray, DAC. Ce ne sono tanti di cui parlare e da scegliere. E sì, l’uno e l’altro potrebbero fare una grande differenza, anche apparecchiature più economiche potrebbero comunque suonare meglio di componenti costosi. Un aspetto che non ho ancora menzionato, è l’acustica nella stanza in cui stai ascoltando la tua musica e il posizionamento dei tuoi altoparlanti potrebbe fare una differenza incredibile. A parte alcuni altoparlanti, la maggior parte degli altoparlanti richiede spazio nella parte posteriore per il riflesso del suono. Crei più profondità. Quindi non posizionare gli altoparlanti direttamente sul muro. La distanza tra il posizionamento dei diffusori e l’angolo possono portare molto più equilibrio al suono. Anche i tuoi mobili. Le tende e un tappeto sul pavimento o un pavimento in legno influiscono sull’acustica. Devi provare e ascoltare attentamente ciò che ti si addice meglio.
Vengo ora alla mia recensione sui cavi Ricable. Anche se sono assolutamente soddisfatto e mi piacciono molto i miei componenti hi-fi, a volte mi mancano ancora l’equilibrio e la finezza del reale. Sembra sempre che il canale sinistro sia un po’ più forte del canale destro, non in equilibrio. Onestamente non sono mai stato interessato ai cavi hi-fi perché ho avuto delle brutte esperienze con cavi HDMI piuttosto costosi che sono stati altamente raccomandati da molti entusiasti amanti della musica. Beh, ho comprato 4 cavi. Prima di tutto non ho potuto sentire o vedere alcuna differenza rispetto ai cavi da 20 euro, inoltre tutti questi 4 cavi HDMI si sono rotti completamente in un periodo di 14-20 mesi. Inutile e uno spreco di soldi.
Navigando su internet la mia attenzione è stata catturata da un uomo che parlava molto bene dei cavi HDMI Ricable che hanno fatto una grande differenza per il suo impianto hi-fi. Non avevo mai sentito o letto di questa azienda italiana. Incuriosito però ho consultato il sito di Ricable. Mi sono subito interessato. Che grande scelta di cavi, molto ben realizzata con tante informazioni e, per me importante, una garanzia a vita e ottime condizioni di acquisto. Tuttavia sono rimasto un po’ scioccato dai prezzi e mi sono chiesto… dovrei comprare questi cavi? La qualità può avere il suo prezzo. Ho fatto una bella chiacchierata con Dario e Sergio e ho ricevuto ottimi consigli.
Ebbene, i migliori prodotti industriali e tecnici sono realizzati nella parte settentrionale dell’Italia. Essendo ancora un po’ riluttante, ho deciso di acquistare il cavo Supreme HDMI. Dopotutto, gli italiani hanno un grande gusto nel progettare, nel bere e nel mangiare e non puoi dire gatto, se non lo hai nel sacco.
Ho ricevuto il cavo entro il periodo di tempo previsto di 2-3 giorni. Era molto ben confezionato. Dopo aver disimballato il tutto, ho collegato il cavo HDMI direttamente alla TV Apple 4K e all’amplificatore Marantz SR5015 per iniziare e sperimentare.
In un secondo sono stato sopraffatto dal suono e dal video. Wow, che miglioramento apporta questo cavo HDMI. Questo mi ha convinto ad acquistare il cavo HDMI top di gamma e più costoso, il Visus HDMI.
Dopo aver ricevuto, disimballato e collegato i cavi Visus al mio lettore Blu-ray Panasonic, al lettore Blu-ray Reavon e tra il televisore LG e l’amplificatore Marantz, sono rimasto ancora più stupito. È davvero possibile ciò con i cavi hi-fi? Sì e anche meglio in audio e video rispetto al cavo Supreme. Sarebbe possibile fare ancora meglio? Dopo aver letto dei cavi speaker, recensioni di altri clienti e chiacchierato con Dario ho deciso di acquistare l’Invictus Speaker Reference per collegare le mie elettrostatiche QUAD ESL63.2 QA e i subwoofer QUAD oltre che l’Invictus Signal per collegare gli amplificatori stereo QUAD Artera al preamplificatore Marantz. Sì, un altro miglioramento del suono, che spiegherò nei capitoli 3 e 4 del questionario. Poi ho acquistato il cavo hi-fi Invictus Coaxialper collegare il lettore CD Denafrips Avatar all’amplificatore Marantz. Ancora una volta un grande miglioramento del suono. Cosa potrebbe essere possibile di più? Il cavo che non avevo ancora cambiato era il cavo di alimentazione e in realtà questi cavi costano una fortuna. Ricable vende anche cavi usati e garantiti. C’era un cavo di alimentazione Invictus Power VP35 a metà prezzo, proprio quello che volevo acquistare. I risultati sono stati sorprendenti, di cui puoi leggere anche nei capitoli 3 e 4.
Poiché la mia configurazione del QUAD Artera Play+, degli amplificatori QUAD II Tube e del QUAD ESL57 QA è indipendente, ho iniziato con il Dedalus Signal per collegare questi amplificatori al preamplificatore/lettore CD Artera Play+. Ho deciso per il Dedalus invece dell’Invictus a causa della lunghezza dei cavi di cui avevo bisogno che non erano disponibili nella serie Invictus.* Posso solo dire: anche i risultati nel miglioramento del suono sono stati sorprendenti, ancora una volta suona un po’ noioso, da spiegare nei capitoli 3 e 4 del questionario.

* Nota: su richiesta speciale e costi aggiuntivi possono essere realizzati cavi più lunghi.

Recensione Kees Invictus Dedalus HDMI
Cosa pensi della costruzionee dell’estetica del prodotto?

Sul sito di Ricable le foto dei cavi sembrano ottime, eppure è pur sempre una foto. In realtà l’estetica è oltre le mie aspettative. Mi piacciono i diversi tipi di colori che Ricable sta usando per le diverse gamme di qualità dei cavi della serie di prodotti. Quando non ti piace l’idea di avere colori diversi, Ricable ti propone anche di fornirti tutti i cavi dello stesso colore.
I cavi sono così ben costruiti che non l’avevo mai visto fino ad ora. Le pure connessioni dorate sono ben costruite, solide e inserite molto bene nello strato esterno del cavo. I materiali sono ottimi. I cavi pesano parecchio e sono rigidi, tuttavia hanno una certa flessibilità allo stesso tempo, molto solidi. Particolare attenzione do al cavo di alimentazione Invictus. Questo cavo pesa una tonnellata ed è così spesso che puoi ormeggiare una petroliera al molo.

A causa del cavo di alimentazione, avevo bisogno di riorganizzare alcuni dei miei componenti hi-fi all’interno e all’esterno dei mobili hi-fi. Tienilo a mente prima di acquistare. I cavi sono molto ben confezionati in una scatola, in particolare le scatole dei cavi dell’altoparlante e dell’alimentazione che sembrano un portagioie. Non buttare via le scatole. Sarebbe uno spreco e un peccato. Potresti aver bisogno della scatola ogni volta che decidi o devi restituire il cavo a Ricable in Italia. Quando non è necessario, puoi sempre tenere i tuoi gioielli al suo interno.

Come hai svolto le prove? Quali brani hai utilizzato per mettere alla prova il cavo?

Come ho scritto nel capitolo 1, la mia prima straordinaria impressione nel miglioramento del suono e del video è stata il cavo Supreme HDMI che ho collegato all’Apple TV e all’amplificatore Marantz. Quindi ho testato questo cavo sui 2 lettori Blu-ray/CD. Stessi risultati nel miglioramento della qualità del suono e del video. Per i test uso sempre gli stessi Blu-ray, un DVD e gli stessi CD. Questi sono rispettivamente:

  • Johann Sebastian Bach: Brandenburg Concertos Nos. 1-6 eseguito dall’Orchestra Mozart e diretto da Claudio Abbado
    • test: concerto n. 1, 4 e 6
Recensione Kees Invictus Dedalus HDMI
  • Gustav Mahler: Symphony No. 2 eseguito dalla Royal Concertgebouw Orchestra e diretto da Daniele Gatti
    • test: parte I > Allegro maestoso e parte IV e V > Urlicht. Sehr feierlich. Aber schlicht / “Auferstehn” 
  • Hector Berlioz: Symphonie Fantastique eseguito dalla Royal Concertgebouw Orchestra e diretto da Daniele Gatti
    • test: parte IV > Marche au supplice e parte V > Songe d’une nuit du Sabbat
  • Claude Debussy: Prélude à l’après-midi d’un faune e La Mer
  • Igor Stravinskij: Le Sacre du printemps; entrambi eseguiti dalla Royal Concertgebouw Orchestra e diretto da Daniele Gatti
    • test: parti dai Préludes di Debussy e parti di Le Sacre di Stravinskij
  • Ludwig van Beethoven: Symphonies 1-9 eseguite dalla Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks, dirette da Mariss Jansons
    • test: Symphony n. 7 e 9
  • Fryderyk Chopin: The Piano Concertos, eseguito dalla Warsaw Philharmonic Orchestra, solista: Nikolai Demidenko (No. 1)
  • Evgeny Kissin: Piano Concerto No. 2, diretto da Antoni Wit
    • test: Concerto n. 2
  • Johann Sebastian Bach: Brandenburg Concertos Nos. 1-6 eseguito dalla Freiburger Barockorchester
    • test: concerto n. 1, 4 e 6
  • Georg Friedrich Händel: Concerti Grossi, Op. 3 eseguito dalla Händel & Haydn Society, diretto da Christopher Hogwood
    • test: concerto n. 1 e 6
  • Gustav Mahler: Symphony No. 2 eseguito dalla Chicago Symphony Orchestra, diretto da Sir Georg Solti
    • test: parte I, IV e V
  • Jean Sibelius: 7 Symphonies eseguite dalla Oslo Philharmonic, dirette da Klaus Mäkelä (una registrazione molto recente)
    • test: Symphony n. 1

Rispetto ai miei vecchi cavi HDMI, il miglioramento della qualità del cavo HDMI Supreme nel suono è l’equilibrio e la musica è più nitida, chiara e dettagliata; il miglioramento della qualità nel video è legato alla luminosità, alla nitidezza e ai colori.
I cavi Visus HDMI vanno oltre tutto questo. Meglio in tutti gli aspetti che ho citato. Il cavo per altoparlanti Invictus Reference, il cavo RCA Invictus Signal e il cavo di alimentazione Invictus danno una spinta in più all’approccio più vicino al suono naturale.
Il cavo coassiale Invictus e i cavi Dedalus Signal RCA ti danno anche l’equilibrio e la trasparenza della musica. Un così grande miglioramento. Così bello da ascoltare.

Recensione Kees Invictus Dedalus HDMI
Quali sono state le tue impressioni di ascolto?

Alcune parti le ho già spiegate in generale nel capitolo 3. Ora i dettagli del miglioramento della qualità audio e video.
Per le prove inizio sempre con il Blu-ray dei Concerti Brandeburghesi di J.S. Bach. La parte del video è letteralmente piuttosto oscura, difficilmente puoi vedere come sono la sala da concerto e il pubblico. I corni potrebbero suonare troppo acuti a volte, così come l’ottavino e il flauto dolce.
La seconda prova è il Blu-ray della Symphony No. 2 di Mahler per l’enorme dinamica di questa musica e l’inizio della prima parte quando tutti i contrabbassi iniziano a suonare. Seguono poi le altre parti di questa sinfonia con i cori e le percussioni.
La terza prova è la parte IV e V della Symphonie Fantastique di Berlioz anche per la sua dinamica e la musica maestosa nel suo insieme.

Provo soprattutto questi ultimi, perché ero tra il pubblico durante queste registrazioni dal vivo nella sala concerti di Amsterdam. Questa sala da concerto è famosa per la sua acustica molto speciale. Questo è davvero un buon riferimento su come suona la musica classica. Per averlo nel tuo salotto, beh………….?
A queste tre prove seguono le altre musiche citate nel capitolo 3, registrazioni vecchie e recenti da confrontare utilizzando i cavi Ricable.
La parte video.
In una parola: WOW! Tanta luminosità e chiarezza, sembra che sul palco e nella sala da concerto siano stati messi un sacco di riflettori. Ora la sala da concerto e il pubblico sono visibili durante l’esecuzione dei concerti di Brandeburgo, sorprendente come la sala sia decorata con colori dorati. Questa luminosità e chiarezza si applicano a tutte le registrazioni. Durante i primi piani dei musicisti, ad esempio puoi vedere la differenza dei tessuti dell’abbigliamento. Il più delle volte vestono di nero. E un nero di un vestito o di un frac non è uguale all’altro nero, più simile a 50 sfumature di nero.
È tutto così luminoso e raffinato, sembra quasi 3D, ma in un modo davvero completo e naturale. Trasmissioni televisive regolari, film, documentari, qualunque cosa tu dica non ha importanza. Le persone possono uscire dallo schermo direttamente nel tuo salotto, così chiaro, raffinato e naturale.
La parte sonora.
In una parola ancora: WOW! L’equilibrio è così buono, la profondità, l’acustica della sala da concerto, la finezza e il timbro degli strumenti sono sorprendenti, sia che si tratti di uno strumento solista o di un’orchestra.
Ora i corni, l’ottavino e il flauto dolce degli strumenti autentici dei concerti di Brandeburgo suonano in modo assolutamente meraviglioso. Così bello ascoltare i 2 corni e il clarinetto insieme nel primo concerto.
Ascoltando la sinfonia di Mahler, sono rimasto sbalordito dal suono di questi contrabbassi, i cori così chiari che puoi sentire cosa si stia cantando. L’enorme dinamica della musica è elettrizzante e mozzafiato. Oh.
Poi la parte IV e V della Symphonie Fantastique di Berlioz. Ascolta tutti i pizzicati dei violini, tutti gli altri archi, il set completo di tutti gli strumenti a fiato in combinazione con le percussioni roboanti, le campane e poi il piccolissimo che si erge al di sopra di tutto. La musica stessa potrebbe essere un po’ audace e grottesca per qualcuno forse, per quanto meravigliosa quando la ascolti tutta insieme e ascolti ogni dettaglio. Pelle d’oca.
Alle altre prove dei cavi gli stessi risultati. Trasparenza, profondità, acustica, equilibrio, finezza e timbro, tutto è presente anche nelle vecchie registrazioni dei CD selezionati.
Ma non solo la selezione sopra. I CD di Ella Fitzgerald Song Books e The Reprise Years di Frank Sinatra ad esempio, incredibile come suonano. Il timbro delle voci così meraviglioso e caldo. Lo adoro.

Le tue conclusioni.

Cercherò di essere breve questa volta. Tutto dipende da come vorresti ascoltare la tua musica preferita o vuoi vedere il tuo film preferito. È una combinazione di gusto personale, acustica nel tuo salotto, i soldi che vuoi spendere, l’obiettivo che vuoi raggiungere e tutte le apparecchiature hi-fi insieme. Non esiste un sistema audio assolutamente perfetto, qualunque sia la somma di denaro che ci stai investendo.
Ogni volta che hai dei dubbi sulla tua attrezzatura considera di acquistare i cavi Ricable. Potrebbe farti risparmiare al posto di spendere un sacco di soldi. Rimarrai stupito di cosa sono capaci questi cavi. Questa azienda specializzata offre una grande varietà di cavi tutti in una fascia di prezzo diversa. Consulta le pagine web di Ricable e chiedi informazioni. Le chat ricevono risposte istantanee, danno ottimi consigli ed è una gioia chattare con queste persone.
Le condizioni sono ottime, lo stato delle consegne è seguito dal link web del corriere che ti viene fornito, il loro tipo di servizio è un riferimento.
La mia conclusione finale.
I cavi HDMI, i cavi coassiali e di segnale RCA sono l’intera torta e i cavi per altoparlanti e cavi di alimentazione sono la ciliegina sulla torta.
Posso solo dire dal profondo del mio cuore: grazie, grazie, grazie, gente di Ricable per aver portato così tanta gioia nel mondo (hi-fi).

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa ti è piaciuto?

– Performance audio e video
– Estetica
– Materiali top
– Rapporto qualità/prezzo
– Lato commerciale e garanzia a vita

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa miglioreresti?

– Niente da segnalare



Recensione Dedalus Signal Giuseppe

Recensione #42 – Cavo Dedalus Signal – Ricable Review

Icona Ricable Review
Il mio Ricable

Giuseppe R.

Sorgenti: Lettore CD Marantz CD6007

Amplificatore: Roksan K3

Diffusori acustici: Focal Chorus 826W

Altro: Giradischi Thorens TD-166 MK V

La seguente recensione del cavo Dedalus Signal è il frutto dell’iniziativa “Ricable Review”. Ricable Review è il programma ideato da Ricable, nato per raccogliere feedback dagli audiofili, al fine di portare a un continuo miglioramento dei prodotti presenti nel catalogo. Ultimo ma non meno importante, coloro che aderiscono al programma ricevono a casa un attestato, con lo scopo di attestare come il cliente sia entrato a tutti gli effetti a fare parte della “famiglia Ricable”.
Il seguente Feedback è stato realizzato sulla base di un questionario predefinito a cui l’utente ha restituito le proprie impressioni, in maniera completamente libera. Ringraziamo Giuseppe per il tempo che ci ha dedicato.

Cosa ti ha fatto scegliere Ricable?

Sono anni che utilizzo cavi di medio livello pensando che gli stessi non fossero “indispensabili/importanti” nella ricerca di un buon suono di ascolto. Leggo molte recensioni e dopo una paio delle stesse sui prodotti Ricable mi sono convinto a fare il passo per qualche acquisto “importante”.
Dopo il primo acquisto mi sono reso conto di come i cavi siano fra i componenti imprescindibili di un sistema Hi-Fi. Il setup può essere minimale o sontuoso, può essere realizzato anche solo con un set di diffusori e un amplificatore integrato smart connesso in rete. Quel che è certo è che tutti gli altoparlanti devono essere collegati all’amplificatore, e di conseguenza un buon amplificatore deve essere collegato a un lettore CD o piatto, da cavi di buona qualità, in grado di trasferire non solo il puro segnale elettrico e la potenza.
Quello che in effetti un buon cavo Hi-Fi deve fare è portare il segnale musicale analogico, fatto di armoniche e timing, fra i vari componenti e quindi ai diffusori. Scegliere i cavi corretti è assolutamente fondamentale così come non dotarsi di validi cavi porta a uno spreco del resto dell’investimento già effettuato. Evitiamo di spendere migliaia di euro in sofisticate e bellissime apparecchiature per poi collegarle con un cavo a caso o di bassa qualità.

Recensione Dedalus Signal Giuseppe
Recensione Dedalus Signal Giuseppe
Cosa pensi della costruzione
e dell’estetica
del prodotto?

Il Dedalus Signal è davvero un bel cavo senza spendere una follia. Sono passato a un amplificatore Roksan K3 circa dieci mesi fa e devo dire che le differenze con questo nuovo cavo si sentono sin dal primo utilizzo, vediamo cosa succederà dopo il periodo di rodaggio. Il cavo collega un ampli Roksan K3 a un lettore CD Marantz CD6007. Con la musica jazz regala dei dettagli ammirevoli e l’ampio palcoscenico dato da questo amplificatore e cavo consente agli strumenti molto spazio per respirare con un recupero dei dettagli che è a dir poco eccellente. Le voci poi sono piene di consistenza e vive.

Come hai svolto le prove? Quali brani hai utilizzato per mettere alla prova il cavo?

Al momento mi trovo ancora in uno stato/periodo di “rodaggio” e, sarà per il fatto di avere un cavo finalmente nuovo, ma, dopo diversi anni, ho già notato un ottimo miglioramento della gamma sonora, in particolare modo degli alti. Voci molto ben definite e strumenti precisi sia nel dettaglio che nella musica d’insieme.

Recensione Dedalus Signal Giuseppe
dedalus signal
Quali sono state le tue
impressioni di ascolto?

Il cavo collega un amplificatore Roksan K3 a un lettore CD Marantz CD6007. Ok, forse non siamo ad alti livelli come componentistica Hi-Fi, ma il valore aggiunto del cavo si sente tutto. In particolare modo con la musica jazz si sentono ben definiti le voci e gli strumenti a fiato. Musica rock ben definita e in particolare in alcuni passaggi dei brani dei Pink Floyd o dei Led Zeppelin si sentono le mani dell’artista sulle corde della chitarra oppure da segnalare come ben definita risulta ora la voce.

Le tue conclusioni.

Nulla da ridire per la qualità dei cavi Ricable. Per non parlare del servizio di spedizione sempre efficiente e veloce nelle consegne. Penso di essere solo all’inizio e quanto prima farò anche il passo di acquistare un Dedalus Power, come cavo di alimentazione. Da elogiare l’accortezza nei particolari di costruzione e la definizione raggiunta da questa casa costruttrice che realizza cavi di elevata qualità.

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa ti è piaciuto?

– Dettagli e apertura del palcoscenico sonoro
– Bello il cavo, pesante quanto basta e rifinito
– Forse il prezzo non è accessibile a tutti, ma se pensiamo che un cavo del genere dura 10 anni, se non di più…

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa miglioreresti?

– Forse sarà per il periodo di rodaggio ma al momento noto una leggera marcatura per gli alti


Dedalus Ricable Review Francesco Saverio

Recensione #39 – Cavi Dedalus Signal, Speaker e XLR – Ricable Review

Icona Ricable Review
Il mio Ricable

Francesco Saverio T.

Sorgenti: Lettore CD McIntosh MCD201; Streamer McIntosh MB50

Amplificatore: McIntosh MA6900

Diffusori acustici: Focal Aria 948

Altro: Condizionatore di rete Isotek Vision

La seguente recensione dei cavi Dedalus Signal, Speaker e XLR (con calza nera) è il frutto dell’iniziativa “Ricable Review”. Ricable Review è il programma ideato da Ricable, nato per raccogliere feedback dagli audiofili, al fine di portare a un continuo miglioramento dei prodotti presenti nel catalogo. Ultimo ma non meno importante, coloro che aderiscono al programma ricevono a casa un attestato, con lo scopo di attestare come il cliente sia entrato a tutti gli effetti a fare parte della “famiglia Ricable”.
Il seguente Feedback è stato realizzato sulla base di un questionario predefinito a cui l’utente ha restituito le proprie impressioni, in maniera completamente libera. Ringraziamo Francesco Saverio per il tempo che ci ha dedicato.

Cosa ti ha fatto scegliere Ricable?

Ho avuto modo di apprezzare la qualità costruttiva e sonora (sebbene della serie Primus) in due diverse occasioni. Già la serie entry level restituiva un risultato impressionante e una differenza tangibile con i precedenti cablaggi. Facendo un confronto con la precedente configurazione, il risultato mi ha fortemente invogliato a provare l’acquisto della serie Dedalus.

Dedalus Ricable Review Francesco Saverio
Cosa pensi della costruzione
e dell’estetica
del prodotto?

Basta dire: Made in Italy. Costruzione e packaging eccezionali. Possibilità di personalizzazione ai massimi livelli. Esteticamente sono una vera e propria BOMBA. In ogni dettaglio è possibile apprezzare il livello di manifattura. Dai materiali alle serigrafie, fino alle fascette per serrare i cavi. Peso e robustezza ai massimi livelli. Connettori comodi da impugnare e magistrali nel serraggio.

Come hai svolto le prove? Quali brani hai utilizzato per mettere alla prova il cavo?

Il test audio ha restituito una precisione proverbiale e un’immagine sonora assolutamente cristallina e tridimensionale. La gamma medio-alta è riprodotta al massimo delle sue possibilità. Il basso frenato, mai ridondante ma allo stesso tempo musicale. Voci “sincere”, precise e ben posizionate sul palchetto musicale. Sugli archi, la timbrica rievoca il materiale di costruzione delle casse acustiche degli strumenti. Gamma alta presente, cristallina e mai (mai!) affaticante.

Dedalus Ricable Review Francesco Saverio
Mark Knopfler Dire Straits
Quali sono state le tue
impressioni di ascolto?

I miei riferimenti d’ascolto sono: Michel Godard con Monteverdi: A Trace of Grace; Dire Straits con Love over Gold; Patricia Barber con Companion; Miles Davis, Duke Ellington, Nils Lofgren e così via. Fin da subito, sugli strumenti a fiato ho riscontrato maggiore ariosità e spazialità; timbrica corretta e impeccabile posizionamento dei componenti musicali; le voci cristalline ed eleganti, centrali e dall’immagine sonora emulativa del palco. Basso presente, forte, e mai affaticante. Nel complesso la scena sonora risulta più precisa e tridimensionale. L’immagine complessiva si erge a nuovo riferimento d’ascolto.

Le tue conclusioni.

Chiunque non creda che l’attenzione ai cablaggi segni la differenza tra un “prima” e un “dopo”, dovrebbe ripensare seriamente alle proprie vedute. Questa serie, sorella della top di gamma, esprime interamente il potenziale di una costruzione impressionante e un’attenzione al suono piuttosto che al mero flusso della corrente. In poche parole, il mio impianto, già di per sé performante, si è rivelato in tutto il suo potenziale!

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa ti è piaciuto?

– Resa sonora sulla gamma media
– Esteticamente oggetti da esposizione
– Costruzione superlativa
– Qualità dei singoli dettagli
– Possibilità di personalizzazione

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa miglioreresti?

– Nulla



Recensione Andrea Dedalus

Recensione #36 – Cavi Dedalus Signal e Speaker – Ricable Review

Icona Ricable Review
Il mio Ricable

Andrea F.

Sorgenti: Lettore CD Tascam CD-200SB; Giradischi Pro-Ject Essential

Amplificatore: Teac AP-505

Diffusori acustici: Monitor Audio Gold 100

Altro: DAC Teac UD-503; Subwoofer Klipsch R-112SW; Ricevitore Bluetooth iFi ZEN Blue

La seguente recensione dei cavi Dedalus Signal e Speaker è il frutto dell’iniziativa “Ricable Review”. Ricable Review è il programma ideato da Ricable, nato per raccogliere feedback dagli audiofili, al fine di portare a un continuo miglioramento dei prodotti presenti nel catalogo. Ultimo ma non meno importante, coloro che aderiscono al programma ricevono a casa un attestato, con lo scopo di attestare come il cliente sia entrato a tutti gli effetti a fare parte della “famiglia Ricable”.
Il seguente Feedback è stato realizzato sulla base di un questionario predefinito a cui l’utente ha restituito le proprie impressioni, in maniera completamente libera. Ringraziamo Andrea per il tempo che ci ha dedicato.

Cosa ti ha fatto scegliere Ricable?

L’esigenza di provare dei buoni cavi per il mio impianto entry level, per sostituire il filo spellato, mi ha portato a scegliere Ricable, azienda italiana conosciuta in rete. La serie Primus è stata la mia scelta iniziale. Poi, portando l’impianto a un livello qualitativo maggiore, ho pensato che la serie Magnus sarebbe stata più appropriata. Ma grazie alla fantastica iniziativa “Upgrade” di Ricable, sono riuscito ad acquistare la serie ancora superiore, Dedalus, che mi è praticamente costata come la Magnus, grazie al fatto che ho potuto restituire in permuta i miei vecchi cavi di potenza Primus, valutati allo stesso prezzo pagato al momento dell’acquisto. Ho acquistato i cavi di segnale sempre con lo stesso metodo, restituendo i vecchi e ottenendo un’ottima scontistica. I ponticelli, invece, li avevo acquistati tempo prima.

Recensione Andrea Dedalus
Recensione Andrea Dedalus
Cosa pensi della costruzione
e dell’estetica
del prodotto?

La costruzione e l’estetica del prodotto sono impeccabili. La confezione, molto accattivante, si presenta molto bene e fa ampiamente intendere di fronte a che tipo di prodotto ci si trovi. Un prodotto di altissimo livello. E non è soltanto una questione estetica, ovviamente, perché nel prendere e toccare i cavi Dedalus si ha subito l’impressione di maneggiare un prodotto solido e ben fatto. Materiali di altissima qualità, grande precisione nella costruzione, nell’assemblaggio dei connettori e delle guaine. Tutto di altissimo livello. Nell’inserire i connettori a banana si avverte una certa resistenza, all’inizio. Nulla di che, è solo la prova di una connessione stabile e precisa. Ho letto sul sito le specifiche di costruzione e le tecnologie applicate. Non posso fare altro che confermare quanto riportato da Ricable, basandomi sulle mie personalissime impressioni di ascolto.

Come hai svolto le prove? Quali brani hai utilizzato per mettere alla prova il cavo?

Ho testato i cavi di potenza e di segnale Dedalus ascoltando brani che conosco alla perfezione. Ascolto prevalentemente rock, blues, ma sono aperto anche ad altri generi. Ho ascoltato Brothers in Arms dei Dire Straits; diversi album degli AC/DC; Toby Arrives di Koch Marshall Trio; svariati album di ZZ Top, Metallica, Iron Maiden, Def Leppard, Scorpions, Guns N’ Roses, Gov’t Mule, Blackberry Smoke. Ho avvertito la scena sonora più ampia e chiara, anzi cristallina. Ricca di dettagli e particolari che, in alcuni casi, non avevo mai percepito prima. Voci presenti e cristalline; chitarre chiare e ben definite; basso veloce e preciso. La vera sorpresa, per me, è stato l’ascolto dei piatti della batteria che, con i vecchi cavi di riferimento, sembravano stare in secondo piano. Con i cavi Dedalus, invece, anche la sezione percussioni ha raggiunto livelli strepitosi.

Recensione Andrea Dedalus
Recensione Andrea Dedalus
Quali sono state le tue
impressioni di ascolto?

Non sono un audiofilo, ma credo di avere le idee chiare su quello che cerco nell’ascolto di qualità. La differenza tra i cavi Primus e i Dedalus è stata subito facilmente percepibile. Non ho adoperato alcuno strumento di misurazione se non il mio orecchio. La trasparenza sonora e il dettaglio preciso sono ciò che mi ha colpito di più in questi cavi. L’unica prova “strumentale” in grado di confermarmi ciò che penso sono i VU Meter del finale Teac che, con i vecchi cavi, erano tendenzialmente asincroni, cioè uno rimaneva più in basso dell’altro. Forse dovuto al fatto che dal preamp alimento sia il finale che il sub attivo, attraverso uno sdoppiatore. Probabilmente, questo mi causava una perdita di corrente. Ma con Dedalus, anche la questione VU Meter si è risolta e, adesso, si muovono entrambi in sincrono. Anche i bassi emessi dal sub sono molto chiari e precisi. Non avverto più quel senso di “leggermente impastato” nelle frequenze basse.

Le tue conclusioni.

Per mia forma mentis, sono convinto che la tipologia di cavo incida enormemente sul prodotto finale di un segnale acustico, sia esso Hi-Fi o altro (ad esempio, strumento musicale/amplificatore). Perciò, dico con certezza che senza degli ottimi conduttori, come i Ricable Dedalus, anche i migliori componenti Hi-Fi non saranno mai in grado di esprimere tutto il loro potenziale. Dico una cosa scontata, ma tant’è.

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa ti è piaciuto?

– Costruzione
– Belli da vedere. Con quel colore arancio lì…
– Rapporto qualità/prezzo. Soluzione “Upgrade” strepitosa

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa miglioreresti?

– Nulla


Recensione Dedalus Magnus Raffaele

Recensione #18 – Cavi Magnus e Dedalus Power e Signal – Ricable Review

Icona Ricable Review
Il mio Ricable

Raffaele B.

Sorgenti: Lettori CD Meridian 206 e 208; DAT Sony DTC-ZA5ES; lettore di rete Cambridge Audio CXN; giradischi Rega Planar 3 con testina MM Goldring

Amplificatore: Pre Audio Research LS-25 e SP-9 (solo per stadio phono); finali Audio Research VS110 e Mark Levinson N° 29

Diffusori acustici: Opera Grand Mezza

Altro: No

La seguente recensione dei cavi Magnus e Dedalus Power e Magnus e Dedalus Signal è il frutto dell’iniziativa “Ricable Review”. Ricable Review è il programma ideato da Ricable, nato per raccogliere feedback dagli audiofili, al fine di portare a un continuo miglioramento dei prodotti presenti nel catalogo. Ultimo ma non meno importante, coloro che aderiscono al programma ricevono a casa un attestato, con lo scopo di attestare come il cliente sia entrato a tutti gli effetti a fare parte della “famiglia Ricable”.
Il seguente Feedback è stato realizzato sulla base di un questionario predefinito a cui l’utente ha restituito le proprie impressioni, in maniera completamente libera. Ringraziamo Raffaele per il tempo che ci ha dedicato.

Cosa ti ha fatto scegliere Ricable?

Recensioni in internet, poi prove reali fatte a casa mia comprando uno alla volta i vari cavi Ricable, sia di alimentazione che di segnale. I cavi che ho sono Dedalus, alimentazione e segnale, e Magnus, anche questi sia di alimentazione che si segnale. I cavi di segnale sono tutti RCA, tranne un cavo XLR che collega il Cambridge Audio CXN.

Recensione Dedalus Magnus Raffaele
Cosa pensi della costruzione
e dell’estetica
del prodotto?

Confezione perfetta e molto elegante, cavi robusti ma molto flessibili, sia quello di alimentazione sia quello RCA , estetica accattivante, connettori molto ben fatti e con una presa sicura. I cavi sono molto grossi ma non spaventano, si piegano bene e si possono infilare in ogni più piccolo anfratto senza problemi.

Come hai svolto le prove? Quali brani hai utilizzato per mettere alla prova il cavo?

Avevo già fatto una recensione, ma l’impianto non era completamente cablato Ricable e non era lo stesso di adesso. Ho cambiato l’ampli a valvole Audio Research dal VT60 al VS110 e ho aggiunto un altro ampli, Mark Levinson N° 29, prima collegato con suo cavo originale XLR lato pre Carmac lato ampli, ora sostituito con cavo Dedalus RCA e adattatori Carmac.

dedalus power proporzioni 3:2
Recensione Dedalus Magnus Raffaele
Quali sono state le tue
impressioni di ascolto?

Ora che tutto l’impianto è cablato Ricable, il suono è molto più caldo, basso profondissimo e, come dissi allora, la cosa che più mi ha colpito è il silenzio, l’assenza di ogni armonica inutile per il suono, dettaglio ai massimi livelli, scena che si è alzata spaventosamente (credo però grazie anche ai due nuovi ampli). Il Mark Levinson collegato con il suo cavo era dettagliatissimo, quasi freddo, cambiando cavo con il Dedalus ha aggiunto un calore al suono quasi valvolare che ti avvolge anche ai massimi volumi. L’ampli VS110 è un piacere per le orecchie e, sostituendo il cavo di alimentazione, ha acquistato un basso molto più profondo e controllato. La dinamica è eccellente, come se i cavi di alimentazione Ricable portassero più potenza, non so ma sembra così.

Le tue conclusioni.

Sono molto soddisfatto del cablaggio Ricable, non ho mai provato cavi più costosi, ma secondo me sono al top (non costano poco, per cablare tutto mi sono svenato ci scappava un altro ampli), ma valgono tutti i soldi spesi e anche molto, molto di più. Devo anche ringraziare il titolare per la immensa disponibilità.

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa ti è piaciuto?

– Il basso profondo
– Il silenzio che creano

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa miglioreresti?

– Nulla da segnalare


Ricable Review Gianni Alberto

Recensione #9 – Cavo Dedalus Signal – Ricable Review

Icona Ricable Review
Il mio Ricable

Gianni Alberto B.

Sorgenti: Giradischi Stanton ST 150 M2; DAP FiiO M11

Amplificatore: Arcam FMJ A29; pre-phono Vincent PHO-701

Diffusori acustici: B&W 707 S2

Altro: DAC Topping D50s; multipresa Oehlbach XXL Powerstation 909

La seguente recensione del cavo Dedalus Signal è il frutto dell’iniziativa “Ricable Review”. Ricable Review è il programma ideato da Ricable, nato per raccogliere feedback dagli audiofili, al fine di portare a un continuo miglioramento dei prodotti presenti nel catalogo. Ultimo ma non meno importante, coloro che aderiscono al programma ricevono a casa un attestato, con lo scopo di attestare come il cliente sia entrato a tutti gli effetti a fare parte della “famiglia Ricable”.
Il seguente Feedback è stato realizzato sulla base di un questionario predefinito a cui l’utente ha restituito le proprie impressioni, in maniera completamente libera. Ringraziamo Gianni Alberto per il tempo che ci ha dedicato.

Cosa ti ha fatto scegliere Ricable?

Leggendo diverse recensioni positive, su alcuni forum Hi-Fi, incuriosito, mi sono deciso ad acquistare i prodotti di questo marchio. Altro fattore che mi ha spinto all’acquisto è che stiamo parlando di un prodotto fatto in Italia.

Ricable Review Gianni Alberto
Ricable Review Gianni Alberto
Cosa pensi della costruzione
e dell’estetica
del prodotto?

Si comincia già bene dall’imballo del prodotto che è accattivante e ben curato. I prodotti sono ben costruiti e molto solidi. I vari contatti meccanici sono ben saldi e garantiscono un ottimo collegamento alle elettroniche. I vari cavi oltretutto sono molto flessibili facilitando anche l’installazione in spazi ristretti. Esteticamente li trovo veramente belli.

Come hai svolto le prove? Quali brani hai utilizzato per mettere alla prova il cavo?

Sono partito dall’ascolto con i classici cavi seriali di bassa qualità che vengono venduti insieme alle elettroniche. In sequenza sono passato dai Ricable Ultimate Signal, Ricable Magnus Signal e infine il Ricable Dedalus Signal. Per i vari passaggi di cavo mi sono basato andando ad ascoltare album che ben conosco.

Ricable Review Gianni Alberto
Ricable Review Gianni Alberto
Quali sono state le tue
impressioni di ascolto?

I primi cambiamenti li ho avvertiti passando dai cavi base ai Ricable Ultimate Signal. Le cose che ho più notato in questo passaggio sono state una migliore presenza dei dettagli e un maggior ordine nella riproduzione sonora. Poi sono passato al modello Magnus Signal; è da qui che ho cominciato a percepire le maggiori differenze. La cosa che più mi ha colpito è stata la riproduzione delle frequenze medie. Qui ho sentito dettagli nascosti che con i precedenti cavi non riuscivo a percepire. Infine sono passato al modello Dedalus Signal. Che dire, strepitoso. Scena musicale ampia e ottimamente ricostruita. Medi dettagliati, alti mai affaticanti e bassi ben definiti e precisi.

Le tue conclusioni.

Sono prodotti ben costruiti dall’ottimo rapporto qualità/prezzo e poi sono Made in Italy. Sicuramente, vista la mia personale esperienza, mi sento di consigliare anche ad altri questo marchio. A oggi tutto il mio impianto è cablato con i cavi Ricable (tranne cavo il USB collegato al DAC perché a oggi non è ancora commercializzato – i cavi USB, nel frattempo, sono stati commercializzati NdR).

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa ti è piaciuto?

– Riproduzione bassi, dettagli medi
– Esteticamente belli!
– Rapporto qualità/prezzo

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa miglioreresti?

– Nulla da segnalare


dedalus signal

Recensione #23 – Cavo di Segnale Dedalus Signal – Prova un Ricable

Giorgio Prova un Ricable
Dal forum Gazebo Audiofilo

Giorgio F.

Sorgente: Intel NUC i7 con Roon R.O.C.K. con alimentazione lineare, SOtM sMS-200 con alimentazione dedicata

DAC: Dedicato

Marca e modello DAC: Denafrips Terminator

Sistema di Amplificazione: Integrato

Amplificatore: Stax SRM-006tII

Diffusori acustici: STAX SR-009

La seguente recensione del cavo di segnale Dedalus Signal è il frutto dell’iniziativa “Prova un Ricable”, nata, in collaborazione con gruppi d’ascolto o forum Hi-Fi, per raccogliere testimonianze derivanti dall’esperienza reale d’ascolto degli utilizzatori, nel proprio impianto Hi-Fi di riferimento.
Il seguente Feedback è stato realizzato sulla base di un questionario predefinito a cui l’utente ha restituito le proprie impressioni, in maniera completamente libera.
Ringraziamo Giorgio per il tempo che ci ha dedicato.

Costruzione ed estetica. Il cavo ti è sembrato solido e accattivante?

Il cavo oggetto del test è un cavo realizzato in maniera impeccabile, con connettori di alta qualità e rifinito con una accattivante guaina esterna di colore giallo. La sezione appare importante, pur se dotato di ottima flessibilità. I connettori sono a serraggio, per una connessione ottimale con qualsiasi tipo di apparecchio.

Stax SRM-006tII
dedalus signal
In che modo hai eseguito i test per riscontrare differenze?

Le sequenze di ascolto si sono svolte sulla base di un set di brani, sia alternando i cavi al termine del set individuato, sia alternando i cavi brano per brano. Il tutto svolto in diverse giornate, per ridurre al minimo le variabili d’ascolto.

Come hai svolto le prove? Quali brani hai utilizzato per mettere alla prova il cavo?

Il cavo fornito da Ricable è un cavo nuovo, non rodato, ragione per la quale è stato fatto suonare circa quaranta ore prima di procedere all’ascolto. Le prime sessioni hanno mostrato un suono caldo, rotondo, non troppo esteso agli estremi ma dotato di ottima gamma media, naturale e rotonda, molto piacevole sia con voci maschili che femminili. Nessuna asprezza, vista la gamma acuta non in evidenza, e nessuno sporcamento, vista la tendenza a porgere un basso non invadente. La scena appare ampia, sia in senso frontale che laterale, regalando un ottimo coinvolgimento.
Il suono del cavo è rimasto sostanzialmente lo stesso fino a circa cento ore di utilizzo. Passate le cento ore, il suono è migliorato in maniera percepibile, in particolare in gamma bassa, dove il corpo del suono è apparso, finalmente, allineato a quanto mostrato dai cavi di riferimento. Tuttavia il suono è rimasto abbastanza chiuso, limitato in estensione, facendo perdere i dettagli più fini e quello che mi piace chiamare il “respiro della musica”. Anche l’ampiezza trasversale della scena è rimasta relativamente limitata, più confinata vicino alla testa. Il test è stato effettuato utilizzando brani di musica classica, jazz e rock molto ben incisi, alternando i cavi più volte, per verificare la ripetitività delle sensazioni.

dedalus signal
Eventuali differenze rispetto ai cavi di riferimento.
Ne hai riscontrate?

Rispetto ai cavi di riferimento appare una certa mancanza di risoluzione nei dettagli più fini in gamma acuta, una sorta di opacità che non permette di distinguere certe tessiture dei piatti della batteria, mancando della magia che i cavi di riferimento sono in grado di restituire. Anche la gamma bassa e medio-bassa appaiono più arretrate, regalando una riproduzione molto pulita ma non sempre dotata del necessario impatto.
Passate le cento ore di ascolto la gamma acuta non è riuscita ad aprirsi come avrei voluto, mantenendo una sonorità distante rispetto al dettaglio proposto dai cavi di riferimento. Ne deriva, pertanto, una sonorità incompleta, priva di quella rifinitura in gamma acuta che i cavi di riferimento consentono, senza mai generare aggressività e fastidio d’ascolto. Un peccato, visto l’ottimo livello raggiunto in gamma media.

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa ti è piaciuto?

– La costruzione
– La musicalità in gamma media
– Tridimensionalità
– Suono preciso e accattivante

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa miglioreresti?

– Trasparenza in gamma acuta