Recensione Kees Invictus Dedalus HDMI

Recensione #75 – L’esperienza di Kees – Ricable Review

Icona Ricable Review
Il mio Ricable

Kees van V.

Sorgenti: Lettore CD Preamp QUAD Artera Play+; Meccanica di lettura Denafrips Avatar; Lettore Blu-ray Reavon UBR-X200; Lettore Blu-ray Panasonic DP-UB9004

Amplificatore: Preamplificatore Marantz SR5015; 2x Finali QUAD Artera Stereo; 2x finali QUAD II Tube

Diffusori acustici: QUAD ESL63.2 QA; QUAD ESL57 QA

Altro: 2x QUAD Subwoofer; Centrale Mission M3C2; Smart TV LG OLED77C9PLA

La seguente recensione dei cavi HDMI, Dedalus e Invictus è il frutto dell’iniziativa “Ricable Review”. Ricable Review è il programma ideato da Ricable, nato per raccogliere feedback dagli audiofili, al fine di portare a un continuo miglioramento dei prodotti presenti nel catalogo. Ultimo ma non meno importante, coloro che aderiscono al programma ricevono a casa un attestato, con lo scopo di attestare come il cliente sia entrato a tutti gli effetti a fare parte della “famiglia Ricable”.
Il seguente Feedback è stato realizzato sulla base di un questionario predefinito a cui l’utente ha restituito le proprie impressioni, in maniera completamente libera. Ringraziamo Kees per il tempo che ci ha dedicato.

What made you choose Ricable?

First I have to state that I’m not a technician, don’t have very much knowledge how everything works, just a guy who writes a review based on his own seeing and hearing and experience for many years. I don’t have any personal or financial involvement in Ricable at all. I’m writing this review out of my own free will and also because Ricable has asked me very nicely if I would like to write a review and to become a member.
Before I start my review that made me choose Ricable something to say to my personal opinion and experience in general.
Does a perfect sound system exist? What is a perfect sound system? How does it sounds like? When are you satisfied what you want to achieve? Wouldn’t that be all a matter of personal taste? And last but not least what do you want to spend on your hi-fi sound system?

Recensione Kees Invictus Dedalus HDMI

When you’re lucky and got tickets for a live concert you have a reference what music sounds like. Especially listening to classical music in a concert hall is a good experience how an orchestra sounds performing a symphony with all the finesses and timbre of the individual instruments and when the full orchestra is playing. All so balanced, refined, crisp and clear.
Then you start thinking would it be possible to achieve the same in my living room? Simple answer: No. Would it be possible to come some closer to the original sound: Yes.
It all starts with the source: The recording of music. When a recording is good the music sounds good on your loudspeakers whether the recording is put on a vinyl record, a CD or a (Blu-ray) DVD. When the recording is bad the output of your loudspeakers sounds also bad. I’m still wondering how it’s possible that there are highly respected record label firms who exist more than 70 years one makes excellent recordings from the beginning and the other one, even with the nowadays technical possibilities, is still able to make recordings which sound like the microphones were placed behind 2 layers of velvet curtains. Strange.
Then your hi-fi equipment e.g. amplifiers, loudspeakers, CD and Blu-ray players, DACs. There is so many to talk about and to choose. And yes one and the other could make a great difference, even more affordable equipment could still sound better than highly priced components. One aspect I didn’t mention yet, the acoustic in the room you are listening to your music and the placing of your loudspeakers could make a hell of a difference. Apart from some loudspeakers the majority of the loudspeakers require space at the rear for reflection. You create more depth. So don’t place your speakers directly to the wall. The distance between the placing of your loudspeakers as well as the angle may bring a lot of more balance to the sound. Also your furniture. curtains and a carpet on the floor or a wooden floor have influence on the acoustic.You need to try out and listen carefully what suits you best.
Now I come to my review on the Ricable cables. Although I’m absolutely satisfied and enjoy my hi-fi components very very much, I still miss the balance and the finesses of the real sometimes. It always looks like that the left channel is a bit louder than the right channel, not in balance. Honestly I was never interested in hi-fi cables because I had some bad experiences with quite expensive HDMI cables which were highly recommended by lots of enthusiastic music lovers. Well I bought 4 cables. First of all I couldn’t hear or see any difference compared to the cables of EUR 20,00, moreover all these 4 HDMI cables broke down completely between a period of 14 to 20 months. Useless and a waste of good money.
Surfing on the internet web my attention was caught by a man who spoke highly of Ricable HDMI cables which made a great difference to his hi-fi system. I’d never heard or read about this Italian firm. Being curious though I consulted the website of Ricable. I was interested immediately. What a great choice of cables, very well accomplished with information and for me important a lifetime warranty and very good buying conditions. However I was a bit shocked by the prices and scratched behind my ears, should I buy these cables? Quality may have its price. I had a nice chat with Dario and Sergio and got excellent advice.
Well the top best industrial and technical products are made in the northern part of Italy. Being a bit reluctant still I decided to buy the Supreme HDMI. After all, the Italian people have a great taste in designing, wining and dining and the proof of the pudding is in eating. I received the cable within the expected time frame of 2-3 days. It was very well packed. After unpacking I connected the HDMI cable directly to the Apple 4K TV and the Marantz SR5015 amplifier to start and experience with.
Within a second I was overwhelmed by the sound and video. Wow what an improvement this HDMI cable makes. This decided me to buy the top of the range and more expensive HDMI cable, the Visus HDMI.
After receiving, unpacking and connecting the Visus cables to my Panasonic Blu-ray player, the Reavon Blu-ray player as well as the LG television to the Marantz amplifier I was even more amazed. Is this really possible with hi-fi cables? Yes and even better in sound and video than the Supreme cable. Would there be more possible? After reading about speaker cables, reviews of other customers and chatting with Dario I decided to buy the Invictus Speaker Reference to connect my QUAD ESL63.2 QA electrostatics and the QUAD subwoofers as well as the Invictus Signal to connect the QUAD Artera stereo amplifiers to the Marantz pre-amplifier. Yes another improvement to the sound, which I’ll explain in chapter 3 and 4 of the questionnaire. Then I bought the Invictus Coaxial to connect the Denafrips Avatar CD player to the Marantz amplifier. Again a great improvement in sound. What could be possible more? The cable I hadn’t changed yet was the power cable and really these cables cost a fortune. Ricable also sells used and guaranteed cables. There was a Invictus Power VP35 available of half the price, just the one I wanted to buy. The results were amazing, which you can also read about in chapters 3 and 4.
Since my setup of the QUAD Artera Play+, the QUAD II Tube amplifiers and the QUAD ESL57 QA electrostatics is a stand alone I started with the Dedalus Signal to connect these amplifiers to the Artera Play+ pre-amplifier/CD player. I decided for the Dedalus instead of the Invictus because of the length of the cables I needed which were not available in the Invictus series*. I can only say: The results in sound improvement were also amazing, again, it sounds a bit dull, to be explained in chapter 3 and 4 of the questionnaire.

*Note: On special request and additional costs longer cables can be made.

Recensione Kees Invictus Dedalus HDMI
What do you think about the constructionand the aesthetics of the product?

On the website of Ricable the photos of the cables look great, yet it is still a photo. In reality the aesthetics are beyond my expectations. I like the different kind of colors Ricable is using for the different quality ranges of the cables in the series of products. When you’re not so fond of different colors Ricable also offers to provide all your cables in the same color.
The cables are so well constructed, I’ve never seen this up till now. The pure golden connections are so well built, solid and very nicely put into the outer layer of the cable. The materials are great.

The cables weigh quite something and are stiff, however have some flexibility at the same time, very solid. Special attention I give to the Invictus power cable. This cable weighs a ton and is so thick you can moor an oil tanker at the quay.
Due to the power cable I needed to re-arrange some of my hi-fi components in the in and outside of the hi-fi furniture. Keep that in mind before buying. The cables are very nicely packed in a box, especially the speaker and power cable boxes which look like a jewelry box. Don’t throw the boxes away. It would be a waste and a pity. You might be needing the box whenever you decide or need to return the cable to Ricable in Italy. When not needed you can always keep your jewelry in it.

How did you do the tests? What tracks did you use to test the cable?

As I wrote in chapter 1 my first amazing impression in sound and video improvement was the Supreme HDMI cable which I connected to the Apple TV and Marantz amplifier. Then I tested this cable on the 2 Blu-ray/CD players. Same results in quality improvement of sound and video. For testing I always use the same Blu-ray DVD’s, a DVD and CD’s. These are respectively:

  • Johann Sebastian Bach: Brandenburg Concertos Nos. 1-6 performed by the Orchestra Mozart and conducted by Claudio Abbado
    • testing: concerto no. 1, 4 and 6
Recensione Kees Invictus Dedalus HDMI
  • Gustav Mahler: Symphony No. 2 by the Royal Concertgebouw Orchestra conducted by Daniele Gatti
    • testing: part I > Allegro maestoso and part IV and V > Urlicht. Sehr feierlich. Aber schlicht / “Auferstehn”
  • Hector Berlioz: Symphonie Fantastique by the Royal Concertgebouw Orchestra conducted by Daniele Gatti
    • testing: part IV > Marche au supplice and part V > Songe d’une nuit du Sabbat
  • Claude Debussy: Prélude à l’après-midi d’un faune and La Mer
  • Igor Stravinskij: Le Sacre du printemps; both by the Royal Concertgebouw Orchestra conducted by Daniele Gatti
    • testing: parts of the Préludes of Debussy and parts of Le Sacre of Stravinskij
  • Ludwig van Beethoven: Symphonies 1-9 by the Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks, conductor Mariss Jansons
    • testing: Symphony no. 7 and 9
  • Fryderyk Chopin: The Piano Concertos, performed by the Warsaw Philharmonic Orchestra, soloists: Nikolai Demidenko (No. 1)
  • Evgeny Kissin: Piano Concerto No. 2, conductor Antoni Wit
    • testing: Concerto no. 2
  • Johann Sebastian Bach: Brandenburg Concertos Nos. 1-6 performed by the Freiburger Barockorchester
    • testing: concerto no. 1, 4 and 6
  • Georg Friedrich Händel: Concerti Grossi, Op. 3 performed by the Händel & Haydn Society, conducted by Christopher Hogwood
    • testing: concerto no. 1 and 6
  • Gustav Mahler: Symphony No. 2 performed by the Chicago Symphony Orchestra, conducted by Sir Georg Solti
    • testing: part I, IV and V
  • Jean Sibelius: 7 Symphonies by the Oslo Philharmonic, conducted by Klaus Mäkelä (a very recent recording)
    • testing: Symphony no. 1

Compared to my old HDMI cables the quality improvement of the Supreme HDMI cable in sound is the balance, and the music is more crisp, clear and detailed; the improvement of quality in video is the brightness, sharpness and colors.
The Visus HDMI cables go beyond this all. Better in all the aspects I mentioned. The Invictus Reference loudspeaker cable, the Invictus Signal RCA cable and the Invictus power cable give the extra boost to the closest approach to the natural sound.
The Invictus coaxial cable and the Dedalus Signal RCA cables also give you the balance and transparency of the music. Such a great improvement. So nice to listen to.

Recensione Kees Invictus Dedalus HDMI
What were yours listening impressions?

Some parts I already explained in general in chapter 3. Now the details of the improvement of quality in sound and video.
For testing I always start with the Blu-ray of the Brandenburg Concertos of J.S. Bach. The video part is literally quite dark you can hardly see how the concert hall and audience look like. The authentic horns could sound too sharp sometimes, likewise the piccolo and recorder.
The 2nd test is the Blu-ray of Mahler’s Symphony No. 2 for the huge dynamic in this music and the beginning of the first part when all the double basses start to play. Then followed by the other parts of this symphony with the choirs and percussion.
The 3rd test is part IV and V of the Symphonie Fantastique of Berlioz also for its dynamic and the majestical music as a whole.

I test the latter ones especially, because I was in the audience during these live recordings in the Amsterdam concert hall. This concert hall is famous for its very special acoustic. That is a real good reference how classical music sounds. To get this in your living room, well………….?
These 3 tests are followed by the other music mentioned in chapter 3, old and recent recordings to compare using the Ricable cables.
The video part.
In one word: WOW! So much brightness and clarity, it looks like a whole bunch of spotlights were put on stage and in the concert hall. Now the concert hall and audience are visible during the performance of the Brandenburg concertos, amazing how the hall is decorated with golden colors. This brightness and clarity apply for all the recordings. During close ups of the musicians e.g. you can see the difference of the fabrics of the clothing. Most of the time they wear black. And one black of a dress or a tailcoat is not the same as the other black, more like 50 shades of black.
It’s all so bright and refined, it almost looks like 3D, yet in a real complete natural way. Regular TV broadcastings, movies, nature films, whatever you mention it doesn’t matter. People can step out from the screen directly into your living room, so clear, refined and natural.
The sound part.
In one word again: WOW! The balance is so good, the deepness, the acoustic of the concert hall, the finesses and timbre of the instruments are amazing, whether it’s a solo instrument or an orchestra.
Now the horns, piccolo and recorder of the authentic instruments on the Brandenburg Concertos sound absolutely wonderful. So great to listen to the 2 horns and clarinet together in the 1st concerto.
Listening to the Mahler symphony, I was flabbergasted how these doubles basses sound, the alto and soprano, the choirs so clear that you can hear what they are singing. The huge dynamic to the music is thrilling and breathtaking. Wow.
Then part IV and V of the Symphonie Fantastique of Berlioz. Listen to all the pizzicatos of the violins, all the other strings, the full set of all wind instruments in combination with the bombastic percussion, the bells and than the little piccolo that rises above it all. The music itself might be a little bit bold and grotesque to someone perhaps, however marvelous when you hear it all together and hear every detail. Goosebumps.
At the other tests of the cables the same results. Transparency, depth, acoustic, balance, finesses and timbre, all is there even on the old recordings of the selected CD’s.
But not just the selection above. The CD’s of Ella Fitzgerald’s Song Books and The Reprise Years of Frank Sinatra e.g., incredible how these sound. The timbre of the voices so wonderful and warm. Love it.

Your conclusions.

I’ll try to keep it short this time. All depends how you would like to listen to your favorite music or want to view your favorite movie. It is a combination of personal taste, acoustic in your living room, the money you want to spend, the goal you want to achieve and all the hi-fi equipment together. An absolutely perfect sound system doesn’t exist whatever amount of money you’re putting into it.
Whenever you doubt about your equipment consider to buy the Ricable cables. It might save you for spending a lot of money. You’ll be astonished what these cables are capable of. This specialized company offers a great variety of cables all in a different price range. Consult the webpages of Ricable and ask for information. Chats are answered by instant, they give great advice and it’s a joy chatting with these people.
The conditions are wonderful, the state of deliveries are to be followed by the weblink of the courier you’re provided, their kind of service is a reference.
My final conclusion.
To keep it to the dining, the HDMI cables, the Coaxial and the Signal RCA cables are the whole cake and the Loudspeaker cables and Power cables are the icing of the cake.
I can only say from the bottom of my heart: Thank you, thank you, thank you, you great people of Ricable for bringing so much joy into the (hi-fi) world.

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

What did you enjoy?

– Audio and video performance
– Aesthetics
– Construction of the cables with top materials
– Value for money
– Conditions, lifetime warranty, service

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

What would you improve?

– Nothing



Cosa ti ha fatto scegliere Ricable?

Per prima cosa devo affermare che non sono un tecnico, non ho molta conoscenza di come funziona tutto, solo un tale che scrive una recensione basata sulla sua visione, sul suo udito e sulla sua esperienza per molti anni. Non ho alcun coinvolgimento personale o finanziario in Ricable. Scrivo questa recensione di mia spontanea volontà e anche perché Ricable mi ha chiesto molto gentilmente se volessi scrivere una recensione e diventare un membro.
Prima di iniziare la mia recensione che mi ha fatto scegliere Ricable ho qualcosa da dire sulla mia personale opinione ed esperienza in generale.
Esiste un impianto audio perfetto? Cos’è un sistema audio perfetto? Come suona? Quando sei soddisfatto di ciò che vuoi ottenere? Non sarebbe tutta una questione di gusti personali? E, ultimo ma non meno importante, cosa vuoi spendere per il tuo sistema audio hi-fi?

Recensione Kees Invictus Dedalus HDMI

Quando sei fortunato e hai i biglietti per un concerto dal vivo, hai un riferimento su come suona la musica. Soprattutto ascoltare musica classica in una sala da concerto è una bella esperienza di come suona un’orchestra che esegue una sinfonia con tutte le finezze e il timbro dei singoli strumenti e quando suona l’intera orchestra. Tutto così equilibrato, raffinato, nitido e chiaro.
Quindi inizi a pensare che sarebbe possibile ottenere lo stesso nel mio salotto? Risposta semplice: no. Sarebbe possibile avvicinarsi un po’ al suono originale: sì.
Tutto parte dalla fonte: la registrazione della musica. Quando una registrazione è buona, la musica suona bene sui tuoi altoparlanti, sia che la registrazione sia su un disco in vinile, un CD o un DVD (Blu-ray). Quando la registrazione è scadente, anche l’uscita dei tuoi altoparlanti suona male. Mi chiedo ancora come sia possibile che esistano case discografiche molto rispettate che esistano da più di 70 anni, una fa registrazioni eccellenti fin dall’inizio e l’altra, anche con le possibilità tecniche odierne, è ancora in grado di fare registrazioni che suonano come se i microfoni fossero stati posizionati dietro 2 strati di tende di velluto. Strano.
E poi la tua attrezzatura hi-fi, ad esempio amplificatori, altoparlanti, lettori CD-Blu-ray, DAC. Ce ne sono tanti di cui parlare e da scegliere. E sì, l’uno e l’altro potrebbero fare una grande differenza, anche apparecchiature più economiche potrebbero comunque suonare meglio di componenti costosi. Un aspetto che non ho ancora menzionato, è l’acustica nella stanza in cui stai ascoltando la tua musica e il posizionamento dei tuoi altoparlanti potrebbe fare una differenza incredibile. A parte alcuni altoparlanti, la maggior parte degli altoparlanti richiede spazio nella parte posteriore per il riflesso del suono. Crei più profondità. Quindi non posizionare gli altoparlanti direttamente sul muro. La distanza tra il posizionamento dei diffusori e l’angolo possono portare molto più equilibrio al suono. Anche i tuoi mobili. Le tende e un tappeto sul pavimento o un pavimento in legno influiscono sull’acustica. Devi provare e ascoltare attentamente ciò che ti si addice meglio.
Vengo ora alla mia recensione sui cavi Ricable. Anche se sono assolutamente soddisfatto e mi piacciono molto i miei componenti hi-fi, a volte mi mancano ancora l’equilibrio e la finezza del reale. Sembra sempre che il canale sinistro sia un po’ più forte del canale destro, non in equilibrio. Onestamente non sono mai stato interessato ai cavi hi-fi perché ho avuto delle brutte esperienze con cavi HDMI piuttosto costosi che sono stati altamente raccomandati da molti entusiasti amanti della musica. Beh, ho comprato 4 cavi. Prima di tutto non ho potuto sentire o vedere alcuna differenza rispetto ai cavi da 20 euro, inoltre tutti questi 4 cavi HDMI si sono rotti completamente in un periodo di 14-20 mesi. Inutile e uno spreco di soldi.
Navigando su internet la mia attenzione è stata catturata da un uomo che parlava molto bene dei cavi HDMI Ricable che hanno fatto una grande differenza per il suo impianto hi-fi. Non avevo mai sentito o letto di questa azienda italiana. Incuriosito però ho consultato il sito di Ricable. Mi sono subito interessato. Che grande scelta di cavi, molto ben realizzata con tante informazioni e, per me importante, una garanzia a vita e ottime condizioni di acquisto. Tuttavia sono rimasto un po’ scioccato dai prezzi e mi sono chiesto… dovrei comprare questi cavi? La qualità può avere il suo prezzo. Ho fatto una bella chiacchierata con Dario e Sergio e ho ricevuto ottimi consigli.
Ebbene, i migliori prodotti industriali e tecnici sono realizzati nella parte settentrionale dell’Italia. Essendo ancora un po’ riluttante, ho deciso di acquistare il cavo Supreme HDMI. Dopotutto, gli italiani hanno un grande gusto nel progettare, nel bere e nel mangiare e non puoi dire gatto, se non lo hai nel sacco.
Ho ricevuto il cavo entro il periodo di tempo previsto di 2-3 giorni. Era molto ben confezionato. Dopo aver disimballato il tutto, ho collegato il cavo HDMI direttamente alla TV Apple 4K e all’amplificatore Marantz SR5015 per iniziare e sperimentare.
In un secondo sono stato sopraffatto dal suono e dal video. Wow, che miglioramento apporta questo cavo HDMI. Questo mi ha convinto ad acquistare il cavo HDMI top di gamma e più costoso, il Visus HDMI.
Dopo aver ricevuto, disimballato e collegato i cavi Visus al mio lettore Blu-ray Panasonic, al lettore Blu-ray Reavon e tra il televisore LG e l’amplificatore Marantz, sono rimasto ancora più stupito. È davvero possibile ciò con i cavi hi-fi? Sì e anche meglio in audio e video rispetto al cavo Supreme. Sarebbe possibile fare ancora meglio? Dopo aver letto dei cavi speaker, recensioni di altri clienti e chiacchierato con Dario ho deciso di acquistare l’Invictus Speaker Reference per collegare le mie elettrostatiche QUAD ESL63.2 QA e i subwoofer QUAD oltre che l’Invictus Signal per collegare gli amplificatori stereo QUAD Artera al preamplificatore Marantz. Sì, un altro miglioramento del suono, che spiegherò nei capitoli 3 e 4 del questionario. Poi ho acquistato il cavo hi-fi Invictus Coaxialper collegare il lettore CD Denafrips Avatar all’amplificatore Marantz. Ancora una volta un grande miglioramento del suono. Cosa potrebbe essere possibile di più? Il cavo che non avevo ancora cambiato era il cavo di alimentazione e in realtà questi cavi costano una fortuna. Ricable vende anche cavi usati e garantiti. C’era un cavo di alimentazione Invictus Power VP35 a metà prezzo, proprio quello che volevo acquistare. I risultati sono stati sorprendenti, di cui puoi leggere anche nei capitoli 3 e 4.
Poiché la mia configurazione del QUAD Artera Play+, degli amplificatori QUAD II Tube e del QUAD ESL57 QA è indipendente, ho iniziato con il Dedalus Signal per collegare questi amplificatori al preamplificatore/lettore CD Artera Play+. Ho deciso per il Dedalus invece dell’Invictus a causa della lunghezza dei cavi di cui avevo bisogno che non erano disponibili nella serie Invictus.* Posso solo dire: anche i risultati nel miglioramento del suono sono stati sorprendenti, ancora una volta suona un po’ noioso, da spiegare nei capitoli 3 e 4 del questionario.

* Nota: su richiesta speciale e costi aggiuntivi possono essere realizzati cavi più lunghi.

Recensione Kees Invictus Dedalus HDMI
Cosa pensi della costruzionee dell’estetica del prodotto?

Sul sito di Ricable le foto dei cavi sembrano ottime, eppure è pur sempre una foto. In realtà l’estetica è oltre le mie aspettative. Mi piacciono i diversi tipi di colori che Ricable sta usando per le diverse gamme di qualità dei cavi della serie di prodotti. Quando non ti piace l’idea di avere colori diversi, Ricable ti propone anche di fornirti tutti i cavi dello stesso colore.
I cavi sono così ben costruiti che non l’avevo mai visto fino ad ora. Le pure connessioni dorate sono ben costruite, solide e inserite molto bene nello strato esterno del cavo. I materiali sono ottimi. I cavi pesano parecchio e sono rigidi, tuttavia hanno una certa flessibilità allo stesso tempo, molto solidi. Particolare attenzione do al cavo di alimentazione Invictus. Questo cavo pesa una tonnellata ed è così spesso che puoi ormeggiare una petroliera al molo.

A causa del cavo di alimentazione, avevo bisogno di riorganizzare alcuni dei miei componenti hi-fi all’interno e all’esterno dei mobili hi-fi. Tienilo a mente prima di acquistare. I cavi sono molto ben confezionati in una scatola, in particolare le scatole dei cavi dell’altoparlante e dell’alimentazione che sembrano un portagioie. Non buttare via le scatole. Sarebbe uno spreco e un peccato. Potresti aver bisogno della scatola ogni volta che decidi o devi restituire il cavo a Ricable in Italia. Quando non è necessario, puoi sempre tenere i tuoi gioielli al suo interno.

Come hai svolto le prove? Quali brani hai utilizzato per mettere alla prova il cavo?

Come ho scritto nel capitolo 1, la mia prima straordinaria impressione nel miglioramento del suono e del video è stata il cavo Supreme HDMI che ho collegato all’Apple TV e all’amplificatore Marantz. Quindi ho testato questo cavo sui 2 lettori Blu-ray/CD. Stessi risultati nel miglioramento della qualità del suono e del video. Per i test uso sempre gli stessi Blu-ray, un DVD e gli stessi CD. Questi sono rispettivamente:

  • Johann Sebastian Bach: Brandenburg Concertos Nos. 1-6 eseguito dall’Orchestra Mozart e diretto da Claudio Abbado
    • test: concerto n. 1, 4 e 6
Recensione Kees Invictus Dedalus HDMI
  • Gustav Mahler: Symphony No. 2 eseguito dalla Royal Concertgebouw Orchestra e diretto da Daniele Gatti
    • test: parte I > Allegro maestoso e parte IV e V > Urlicht. Sehr feierlich. Aber schlicht / “Auferstehn” 
  • Hector Berlioz: Symphonie Fantastique eseguito dalla Royal Concertgebouw Orchestra e diretto da Daniele Gatti
    • test: parte IV > Marche au supplice e parte V > Songe d’une nuit du Sabbat
  • Claude Debussy: Prélude à l’après-midi d’un faune e La Mer
  • Igor Stravinskij: Le Sacre du printemps; entrambi eseguiti dalla Royal Concertgebouw Orchestra e diretto da Daniele Gatti
    • test: parti dai Préludes di Debussy e parti di Le Sacre di Stravinskij
  • Ludwig van Beethoven: Symphonies 1-9 eseguite dalla Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks, dirette da Mariss Jansons
    • test: Symphony n. 7 e 9
  • Fryderyk Chopin: The Piano Concertos, eseguito dalla Warsaw Philharmonic Orchestra, solista: Nikolai Demidenko (No. 1)
  • Evgeny Kissin: Piano Concerto No. 2, diretto da Antoni Wit
    • test: Concerto n. 2
  • Johann Sebastian Bach: Brandenburg Concertos Nos. 1-6 eseguito dalla Freiburger Barockorchester
    • test: concerto n. 1, 4 e 6
  • Georg Friedrich Händel: Concerti Grossi, Op. 3 eseguito dalla Händel & Haydn Society, diretto da Christopher Hogwood
    • test: concerto n. 1 e 6
  • Gustav Mahler: Symphony No. 2 eseguito dalla Chicago Symphony Orchestra, diretto da Sir Georg Solti
    • test: parte I, IV e V
  • Jean Sibelius: 7 Symphonies eseguite dalla Oslo Philharmonic, dirette da Klaus Mäkelä (una registrazione molto recente)
    • test: Symphony n. 1

Rispetto ai miei vecchi cavi HDMI, il miglioramento della qualità del cavo HDMI Supreme nel suono è l’equilibrio e la musica è più nitida, chiara e dettagliata; il miglioramento della qualità nel video è legato alla luminosità, alla nitidezza e ai colori.
I cavi Visus HDMI vanno oltre tutto questo. Meglio in tutti gli aspetti che ho citato. Il cavo per altoparlanti Invictus Reference, il cavo RCA Invictus Signal e il cavo di alimentazione Invictus danno una spinta in più all’approccio più vicino al suono naturale.
Il cavo coassiale Invictus e i cavi Dedalus Signal RCA ti danno anche l’equilibrio e la trasparenza della musica. Un così grande miglioramento. Così bello da ascoltare.

Recensione Kees Invictus Dedalus HDMI
Quali sono state le tue impressioni di ascolto?

Alcune parti le ho già spiegate in generale nel capitolo 3. Ora i dettagli del miglioramento della qualità audio e video.
Per le prove inizio sempre con il Blu-ray dei Concerti Brandeburghesi di J.S. Bach. La parte del video è letteralmente piuttosto oscura, difficilmente puoi vedere come sono la sala da concerto e il pubblico. I corni potrebbero suonare troppo acuti a volte, così come l’ottavino e il flauto dolce.
La seconda prova è il Blu-ray della Symphony No. 2 di Mahler per l’enorme dinamica di questa musica e l’inizio della prima parte quando tutti i contrabbassi iniziano a suonare. Seguono poi le altre parti di questa sinfonia con i cori e le percussioni.
La terza prova è la parte IV e V della Symphonie Fantastique di Berlioz anche per la sua dinamica e la musica maestosa nel suo insieme.

Provo soprattutto questi ultimi, perché ero tra il pubblico durante queste registrazioni dal vivo nella sala concerti di Amsterdam. Questa sala da concerto è famosa per la sua acustica molto speciale. Questo è davvero un buon riferimento su come suona la musica classica. Per averlo nel tuo salotto, beh………….?
A queste tre prove seguono le altre musiche citate nel capitolo 3, registrazioni vecchie e recenti da confrontare utilizzando i cavi Ricable.
La parte video.
In una parola: WOW! Tanta luminosità e chiarezza, sembra che sul palco e nella sala da concerto siano stati messi un sacco di riflettori. Ora la sala da concerto e il pubblico sono visibili durante l’esecuzione dei concerti di Brandeburgo, sorprendente come la sala sia decorata con colori dorati. Questa luminosità e chiarezza si applicano a tutte le registrazioni. Durante i primi piani dei musicisti, ad esempio puoi vedere la differenza dei tessuti dell’abbigliamento. Il più delle volte vestono di nero. E un nero di un vestito o di un frac non è uguale all’altro nero, più simile a 50 sfumature di nero.
È tutto così luminoso e raffinato, sembra quasi 3D, ma in un modo davvero completo e naturale. Trasmissioni televisive regolari, film, documentari, qualunque cosa tu dica non ha importanza. Le persone possono uscire dallo schermo direttamente nel tuo salotto, così chiaro, raffinato e naturale.
La parte sonora.
In una parola ancora: WOW! L’equilibrio è così buono, la profondità, l’acustica della sala da concerto, la finezza e il timbro degli strumenti sono sorprendenti, sia che si tratti di uno strumento solista o di un’orchestra.
Ora i corni, l’ottavino e il flauto dolce degli strumenti autentici dei concerti di Brandeburgo suonano in modo assolutamente meraviglioso. Così bello ascoltare i 2 corni e il clarinetto insieme nel primo concerto.
Ascoltando la sinfonia di Mahler, sono rimasto sbalordito dal suono di questi contrabbassi, i cori così chiari che puoi sentire cosa si stia cantando. L’enorme dinamica della musica è elettrizzante e mozzafiato. Oh.
Poi la parte IV e V della Symphonie Fantastique di Berlioz. Ascolta tutti i pizzicati dei violini, tutti gli altri archi, il set completo di tutti gli strumenti a fiato in combinazione con le percussioni roboanti, le campane e poi il piccolissimo che si erge al di sopra di tutto. La musica stessa potrebbe essere un po’ audace e grottesca per qualcuno forse, per quanto meravigliosa quando la ascolti tutta insieme e ascolti ogni dettaglio. Pelle d’oca.
Alle altre prove dei cavi gli stessi risultati. Trasparenza, profondità, acustica, equilibrio, finezza e timbro, tutto è presente anche nelle vecchie registrazioni dei CD selezionati.
Ma non solo la selezione sopra. I CD di Ella Fitzgerald Song Books e The Reprise Years di Frank Sinatra ad esempio, incredibile come suonano. Il timbro delle voci così meraviglioso e caldo. Lo adoro.

Le tue conclusioni.

Cercherò di essere breve questa volta. Tutto dipende da come vorresti ascoltare la tua musica preferita o vuoi vedere il tuo film preferito. È una combinazione di gusto personale, acustica nel tuo salotto, i soldi che vuoi spendere, l’obiettivo che vuoi raggiungere e tutte le apparecchiature hi-fi insieme. Non esiste un sistema audio assolutamente perfetto, qualunque sia la somma di denaro che ci stai investendo.
Ogni volta che hai dei dubbi sulla tua attrezzatura considera di acquistare i cavi Ricable. Potrebbe farti risparmiare al posto di spendere un sacco di soldi. Rimarrai stupito di cosa sono capaci questi cavi. Questa azienda specializzata offre una grande varietà di cavi tutti in una fascia di prezzo diversa. Consulta le pagine web di Ricable e chiedi informazioni. Le chat ricevono risposte istantanee, danno ottimi consigli ed è una gioia chattare con queste persone.
Le condizioni sono ottime, lo stato delle consegne è seguito dal link web del corriere che ti viene fornito, il loro tipo di servizio è un riferimento.
La mia conclusione finale.
I cavi HDMI, i cavi coassiali e di segnale RCA sono l’intera torta e i cavi per altoparlanti e cavi di alimentazione sono la ciliegina sulla torta.
Posso solo dire dal profondo del mio cuore: grazie, grazie, grazie, gente di Ricable per aver portato così tanta gioia nel mondo (hi-fi).

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa ti è piaciuto?

– Performance audio e video
– Estetica
– Materiali top
– Rapporto qualità/prezzo
– Lato commerciale e garanzia a vita

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa miglioreresti?

– Niente da segnalare



Recensione Invictus Signal Maurizio

Recensione #69 – Cavo Invictus Signal – Ricable Review

Icona Ricable Review
Il mio Ricable

Maurizio D.

Sorgenti: Streamer Cocktail Audio X50Pro

Amplificatore: Preamplificatore McIntosh C50; Finale McIntosh MC452

Diffusori acustici: Sonus Faber Elipsa Red

Altro: DAC Digicode S-192; Multipresa Docet Edison

La seguente recensione del cavo Invictus Signal è il frutto dell’iniziativa “Ricable Review”. Ricable Review è il programma ideato da Ricable, nato per raccogliere feedback dagli audiofili, al fine di portare a un continuo miglioramento dei prodotti presenti nel catalogo. Ultimo ma non meno importante, coloro che aderiscono al programma ricevono a casa un attestato, con lo scopo di attestare come il cliente sia entrato a tutti gli effetti a fare parte della “famiglia Ricable”.
Il seguente Feedback è stato realizzato sulla base di un questionario predefinito a cui l’utente ha restituito le proprie impressioni, in maniera completamente libera. Ringraziamo Maurizio per il tempo che ci ha dedicato.

Cosa ti ha fatto scegliere Ricable?

Ho letto delle recensioni lusinghiere. Necessitavo di un cavo da considerare definitivo in sostituzione del seppur valido Actinote MB83 acquistato nel 2004, facente parte del mio vecchio impianto che ho completamente sostituito. Un upgrade evolutivo a completamento (spero) del mio impianto che in questi anni è stato sostituito completamente. Questo cavo rappresentava l’ultimo componente superstite.

Recensione Invictus Signal Maurizio
Invictus Signal Contesto
Cosa pensi della costruzione
e dell’estetica
del prodotto?

Il cavo si presenta bene. Costruzione solida, con una rigidità ottimale e una estetica curata nei particolari. Gli attacchi sono di ottima qualità con indicazione della direzione del segnale intuitiva. Il rivestimento esterno di ottima fattura, elegante con un senso leggermente rétro che a me piace. Anche se generalmente non visibili, a mio avviso l’estetica ha sempre una sua valenza.

Come hai svolto le prove? Quali brani hai utilizzato per mettere alla prova il cavo?

Sostituiti i miei vecchi cavi RCA con gli Invictus, ho iniziato l’ascolto con dei brani jazz sia solo strumentale che anche cantato, poi con la musica classica e barocca, il pop, finendo poi con il rock (quello vero degli anni Settanta e Ottanta). Tutti brani di cui conoscevo bene la musicalità attraverso il mio impianto. Ore di attento ascolto sfruttando quei momenti in cui ero solo in casa.

Recensione Invictus Signal Maurizio
Invictus Signal Contesto
Quali sono state le tue
impressioni di ascolto?

Fin da subito ho notato una maggiore scena, con la parte dei medio-alti più definita e dettagliata e i bassi estremamente controllati e bilanciati. Sembra di aver eliminato quella strozzatura che solo immaginavo con i vecchi cavi. Ho comunque mantenuto i cavi RCA Van den Hul The Mountain collegati tra il pre e il finale McIntosh. Le voci, specialmente le femminili , sono più realistiche. Le spazzole della batteria più definite e limpide, in generale una ricchezza e completezza di dettagli che prima non notavo. Tutti gli strumenti, a prescindere dal genere musicale, sono più a fuoco e ben collocati nella scena sonora. Zero fatica di ascolto.

Le tue conclusioni.

Devo ammettere che la scelta di questi cavi è stata come un salto nel buio, basata su ottime recensioni e dopo aver direttamente constatato la serietà e professionalità di questa ditta. Un rapporto qualità/prezzo decisamente favorevole visti i risultati comparativi. I miei vecchi cavi penso di ricordare averli pagati circa 500 euro, nel 2004. Un salto finito benissimo, una scelta per me definitiva a completamento di un iter di aggiornamento del mio sistema. Consigliatissimi!

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa ti è piaciuto?

– Performance
– Estetica e qualità costruttiva
– Rapporto qualità/prezzo

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa miglioreresti?

– Nulla da segnalare


Invictus Signal Erick

Recensione #51 – Cavo Invictus Signal – Ricable Review

Icona Ricable Review
Il mio Ricable

Erick D.

Sorgenti: Lettore CD Audia Flight FL CD Three S

Amplificatore: Preampli Rogue Audio RP-5; Finale Jadis JA200 MKII

Diffusori acustici: KEF Reference 207/2

Altro: Niente

La seguente recensione del cavo Invictus Signal è il frutto dell’iniziativa nata con la collaborazione del gruppo Facebook francese “Audiophile francophone et haute-fidélité”. L’iniziativa è nata per raccogliere feedback dagli audiofili, al fine di portare a un continuo miglioramento dei prodotti presenti nel catalogo. Gli audiofili hanno ricevuto il cavo scelto a casa e hanno avuto trenta giorni per eseguire tutti i test che ritenevano opportuni. Alla fine di questo periodo, gli audiofili potevano decidere se tenere il cavo oppure restituirlo senza alcun costo.
Il seguente Feedback è stato realizzato sulla base di un questionario predefinito a cui l’utente ha restituito le proprie impressioni, in maniera completamente libera. Ringraziamo Erick per il tempo che ci ha dedicato.

J’ai voulu essayer ce nouveau câble

J’ai voulu essayer ce nouveau câble de chez Ricable, le RCA Invictus Signal, car j’ai en ma possession le câble USB Magnus qui m’avait impressionné par sa qualité de transmission musicale.
Le câble Invictus Signal está arrivé dans un luxueux emballage, le protégeant de façon optimale pour les envois. Une fois déballé, le câble est d’une conception robuste et esthétiquement bien faite, la finition est flatteuse, les fiches de connexion sont de haute qualité et équipées d’un système de serrage qui est parfait pour éviter les déconnexions impromptues.
Il a un poids certain étant donné tous les éléments qui le composent mais reste souple. Il est facile de comprendre que nous sommes en présence d’un cable “haut de gamme”, l’écoute nous le confirmera certainement.

Invictus Signal Erick

Le câble RCA Invictus Signal est positionné entre le lecteur CD/DAC Audia Flight et le préamplificateur Rogue Audio RP-5.

En première écoute, je me rends vite compte que je suit en présence d’un câble exceptionnel. La qualité est déjà au rendez-vous et ceci sans rodage. En comparaison avec celui que j’ai depuis 4 ans maintenant, pratiquement pas de différence entre les deux bien que ce dernier “haut de gamme” également mais deux fois et demi le prix de l’Invictus. Je décide donc de le laisser en fonction toute une nuit plus le jour suivant pour pousser la comparaison.

Invictus Signal Erick

Je fus agréablement surpris par la progression qualitative de la restitution de l’Invictus. Il reproduit avec beaucoup de finesse les timbres qui sont plus précis, un médium lumineux, l’aigus qui monte plus haut, qui rend les voix présentes, vibrantes, jusqu’à mieux ressentir l’énergie que dégage le chanteur sans oublier des graves plus tendues et rapides qui non seulement descendent plus bas, sont plus percutantes, plus présentes, vibrantes sans pour autant encombrer l’ensemble du spectre, elles donnent l’impression de venir de plus loin. Tout cela donne une scène plus réaliste et qui gagne non seulement en profondeur mais en dynamique tel que tout devient palpable.

Ce câble RCA Invictus ne se contente pas simplement de transmettre divinement la musique mais également toute l’émotion qui va avec, ce câble transmet la vie. Bravo à l’équipe Ricable pour cette conception et… merci car il repousse encore plus loin l’expérience musicale.

Pour l’écoute:

  • Essential Ennio Morricone par City of Prague Philharmonic Orchestra
  • Mayra Andrade: Studio 105 (en direct)
  • Gloria Estefan: Brazil305
  • Ismaël Lô: Jammu Africa
  • Cæcilie Norby & Lars Danielsson: Just The Two Of Us
  • Ibrahim Maalouf: S3NS
  • Ahmad Jamal e Yusef Lateef: Live at the Olympia
  • Beaucoup d’autres encore…
Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Qu'est ce que tu aimais?

– Qualité de fabrication
– Performances musicales

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Qu'aimeriez-vous améliorer?

– Rien sinon encourager l’équipe a continuer dans l’innovation qualitative dont elle a fait son combat!

Ho voluto provare questo nuovo cavo

Ho voluto provare questo nuovo cavo della Ricable, l’RCA Invictus Signal, perché ho in mio possesso il cavo USB Magnus che mi ha colpito per la sua qualità di trasmissione musicale.
Il cavo Invictus Signal è arrivato in una confezione lussuosa, fornendo una protezione ottimale per le spedizioni. Una volta disimballato, il cavo ha un design robusto ed esteticamente curato, la finitura è flessibile, le spine di collegamento sono di alta qualità e dotate di un sistema di aggancio perfetto per evitare disconnessioni improvvise.
Ha un certo peso visti tutti gli elementi che lo compongono ma rimane flessibile. È facile intuire che siamo in presenza di un cavo “top di gamma”, l’ascolto lo confermerà sicuramente.

Invictus Signal Erick

Il cavo Invictus Signal RCA è posizionato tra il lettore CD/DAC Audia Flight e il preamplificatore Rogue Audio RP-5.

Al primo ascolto, mi accorgo subito che sono in presenza di un cavo eccezionale. La qualità c’è e senza rodaggio. Rispetto a quello che ho da 4 anni ormai, quasi nessuna differenza tra i due anche se quest’ultimo è anche “di fascia alta” ma due volte e mezzo il prezzo dell’Invictus. Quindi decido di lasciarlo acceso durante la notte più il giorno successivo per spingere il confronto.

Invictus Signal Erick

Sono stato piacevolmente sorpreso dalla progressione qualitativa della restituzione dell’Invictus. Riproduce con grande finezza i timbri più precisi, una calamita luminosa, l’acuto che sale più alto, che rende le voci presenti, vibranti, fino a sentire meglio l’energia che sprigiona il cantante senza dimenticare i più seri tesi e veloci che non scendono solo più in basso, sono più percussivi, più presenti, vibranti senza ingombrare l’intero spettro, danno l’impressione di venire da più lontano. Tutto questo dà una scena più realistica che non solo acquista in profondità ma in dinamica, tale che tutto diventa palpabile.

Questo cavo Invictus RCA non solo trasmette divinamente la musica ma anche tutte le emozioni che ne derivano… questo cavo trasmette la vita. Complimenti al team Ricable e… grazie per aver spinto ulteriormente l’esperienza musicale.

Per l’ascolto ho usato:

  • Essential Ennio Morricone della City of Prague Philharmonic Orchestra
  • Mayra Andrade: Studio 105 (en direct)
  • Gloria Estefan: Brazil305
  • Ismaël Lô: Jammu Africa
  • Cæcilie Norby & Lars Danielsson: Just The Two Of Us
  • Ibrahim Maalouf: S3NS
  • Ahmad Jamal e Yusef Lateef: Live at the Olympia
  • Tanto altro ancora…
Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa ti è piaciuto?

– Qualità di fabbricazione
– Prestazione musicale

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa miglioreresti?

– Nient’altro che incoraggiare la squadra a continuare nell’innovazione qualitativa di cui ha fatto la sua lotta!

Recensione Invictus Signal Dan

Recensione #47 – Cavo Invictus Signal – Ricable Review

Icona Ricable Review
Il mio Ricable

Dan B.

Sorgenti: DAC Streamer Wattson Audio

Amplificatore: Tsakiridis Aeolos Ultra

Diffusori acustici: Atlantis Lab AT31

Altro: Niente

La seguente recensione del cavo Invictus Signal è il frutto dell’iniziativa nata con la collaborazione del gruppo Facebook francese “Audiophile francophone et haute-fidélité”. L’iniziativa è nata per raccogliere feedback dagli audiofili, al fine di portare a un continuo miglioramento dei prodotti presenti nel catalogo. Gli audiofili hanno ricevuto il cavo scelto a casa e hanno avuto trenta giorni per eseguire tutti i test che ritenevano opportuni. Alla fine di questo periodo, gli audiofili potevano decidere se tenere il cavo oppure restituirlo senza alcun costo.
Il seguente Feedback è stato realizzato sulla base di un questionario predefinito a cui l’utente ha restituito le proprie impressioni, in maniera completamente libera. Ringraziamo Dan per il tempo che ci ha dedicato.

Après un échange très cordial

Après un échange très cordial avec Ricable par e-mail, lors d’une opération de Prêt contre Review/Test, je me décide à jouer le jeu. A la recherche de repères pour mes câbles RCA, reliant dans mon cas un Streamer/DAC à un ampli intégré, je suis convaincu par l’approche “conviviale” et transparente de Ricable.
Je possède déjà une paire de câbles italiens d’une marque moins connue distribuée en France (ALEF). Ils m’apportent grande satisfaction, mais les ayant acquis en même temps qu’un changement d’électronique, c’est toujours délicat de se faire une opinion précise de l’apport du câble lui-même.

Recensione Invictus Signal Dan

De plus, une écoute récente de mes câbles sur un autre système m’ayant fortement déçu, je finis donc de challenger mes propres RCA. Quel meilleur moyen que de tester une autre chose, dans le confort de son appareil et de son système, alors…?

Je commande le plus haut de la gamme, les Invictus Signal RCA, longueur 1 m, commercialisés au prix de 490 euros au catalogue. J’essaye par ce choix de faire un test comparatif cohérent, soloment basé sur la gamme de prix (les miens étant aux alentours de 750 euros). La partie commande et logistique se passe comme sur des roulettes, et les câbles m’arrivent en parfait état de conditionnement, en à peine quelques jours…

Recensione Invictus Signal Dan

Un packaging propre et simple, mais qui me donne un peu de fil à retordre pour sortir la boite cartonnée de son étui. Au moins le câble est bien protégé.
Écoute: je procède à pas mal d’écoutes A/B en switchant régulièrement sur les mêmes titres habituels dans mes tests. J’essaye ensuite de passer une semaine entière uniquement sur les câbles Ricable, puis de revenir sur les miens.
Les conclusions en variant les genres musicaux: les Invictus sont sans aucun doute d’excellents câbles dans leur gamme de prix, et difficilement battables avec la remise consentie par Ricable lors de cette opération promo.
Ils sont extrêmement bien fabriqués, ça sent la solidité, pas de dénudage prématuré à prévoir, les fiches bananes sont très douces mais s’enfichent fermement et bénéficient d’un serrage par vissage. Ils sont assez épais mais néanmoins un peu plus souples que les miens. Dès les premières minutes, c’est surtout la scène sonore qui me frappe: large ET profonde. Si je reste sur l’impression qu’elle est bien plus vaste que celle que je connais, après quelques aller/retours, il s’en faut de peu, mais les 2 marques/modèles jouent dans la même cour en réalité.
Concernant les timbres, rien à noter de spécifique, je retrouve la signature de mon amplification à tubes intacte.

Respect des électroniques donc. Je trouve l’écoute agréable et pas fatiguante, un très beau médium.
En passant sur des genres musicaux plus musclés, l’Invictus accuse un retard sur mes ALEF: ça descend moins bas et ca monte moins haut, le spectre semble un peu raboté en ses extrémités. Cela enlève un peu d’assise sur certains morceaux, moins acoustiques/intimistes. Je n’irai pas jusqu’à dire que le spectre est déséquilibré cependant.

Les Invictus Signal sont de très bons câbles, fabriqués très proprement, l’esprit de la sté Ricable me plaît, ils délivrent une écoute très agréable, équilibrée et respectent les composants en amont. Je les recommande donc fortement à quiconque possède un bon système ayant évolué mais qui serait resté sur des RCA plutôt entrée de gamme, ils constituent une parfaite évolution/montée en gamme.

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Qu'est ce que tu aimais?

– Connecteurs
– Qualité de la construction
– Scène sonore large et profonde

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Qu'aimeriez-vous améliorer?

– Extension en haut et bas du spectre


Dopo uno scambio molto cordiale

Dopo uno scambio molto cordiale con Ricable via e-mail, durante un’operazione di Prestito contro Revisione/Test, ho deciso di giocare. Alla ricerca di benchmark per i miei cavi RCA, collegando nel mio caso uno Streamer/DAC a un amplificatore integrato, sono convinto dall’approccio “amichevole” e trasparente di Ricable.
Ho già un paio di cavi italiani di un marchio meno noto distribuito in Francia (ALEF). Mi danno grandi soddisfazioni, ma avendoli acquisiti contestualmente a un cambio di elettronica, è sempre difficile formarsi un’opinione precisa sull’apporto del cavo stesso.

Recensione Invictus Signal Dan

Inoltre, un recente ascolto dei miei cavi su un altro sistema mi ha molto deluso, quindi ho finito per sfidare il mio RCA. Quale modo migliore che testare qualcos’altro, comodamente dal tuo dispositivo e sistema, quindi…?

Ordino il top di gamma, l’Invictus Signal RCA, lunghezza 1 m, venduto a un prezzo di 490 euro a catalogo. Con questa scelta provo a fare un test comparativo coerente, basato solo sulla fascia di prezzo (il mio si aggira sui 750 euro). La parte di ordinazione e logistica è andata come un orologio e i cavi sono arrivati ​​in perfette condizioni, in pochi giorni…

Recensione Invictus Signal Dan

Un imballo pulito e semplice, ma che mi dà un po’ di difficoltà a estrarre la scatola di cartone dalla sua custodia. Almeno il cavo è ben protetto.
Ascolto: faccio molto ascolto A/B, passando regolarmente alle stesse solite tracce nei miei test. Poi provo a passare un’intera settimana solo sui cavi Ricable, poi torno ai miei.
Le conclusioni variando i generi musicali: gli Invictus sono senza dubbio ottimi cavi nella loro fascia di prezzo, e difficili da battere con lo sconto concesso da Ricable durante questa operazione promozionale.
Sono estremamente ben fatti, sembra solido, non ci si può aspettare uno spelatura prematura, i connettori a banana sono molto morbidi ma si collegano saldamente e traggono vantaggio dal serraggio mediante avvitamento. Sono abbastanza spessi ma comunque un po’ più flessibili dei miei. Fin dai primi minuti, è soprattutto il palcoscenico sonoro che mi colpisce: ampio E profondo. Se rimango sull’impressione che sia molto più grande di quello che conosco, dopo qualche giro è tutt’altro, ma le 2 marche/modelli giocano in realtà sullo stesso campo.
Per quanto riguarda i timbri, niente di specifico da notare, trovo intatta la timbrica della mia amplificazione a valvole. Rispetto per l’elettronica quindi. Trovo l’ascolto piacevole e non faticoso, un mezzo molto bello.
Passando a generi musicali più “muscolosi”, l’Invictus è in ritardo rispetto ai miei ALEF: scende meno in basso e sale meno in alto, lo spettro sembra un po’ piallato alle sue estremità.

Questo rimuove un po’ di spessore su alcune tracce, che sono meno acustiche/intime. Tuttavia, non direi che lo spettro è sbilanciato.

Gli Invictus Signal sono cavi molto buoni, realizzati in modo molto pulito, mi piace lo spirito dell’azienda Ricable, offrono un’esperienza di ascolto molto piacevole ed equilibrata e rispettano i componenti a monte. Li consiglio quindi vivamente a chiunque abbia un buon impianto che si è evoluto ma che sarebbe rimasto a livello di cavi su RCA entry level, costituiscono una perfetta evoluzione/upgrade.

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa ti è piaciuto?

– Connettori
– Qualità della costruzione
– Scena sonora larga e profonda

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa miglioreresti?

– Estensione in alto e in basso dello spettro acustico

Invictus Signal Raffaello

Recensione #46 – Cavo Invictus Signal – Ricable Review

Icona Ricable Review
Il mio Ricable

Raffaello C.

Sorgenti: Lettore CD Audio Research CD5; Giradischi Michell GyroDec con braccio Audio Technica AT1100 e testina Grado Reference

Amplificatore: Preamplificatore Audio Research SP-10 MKII; Finale Audio Research D300

Diffusori acustici: B&W 805 Signature

Altro: Subwoofer B&W DB3D; Sintonizzatore Sansui TU-717; Filtri di rete Systems and Magic; Ambiente d’ascolto trattato da Acustica Applicata 

La seguente recensione del cavo Invictus Signal è il frutto dell’iniziativa “Ricable Review”. Ricable Review è il programma ideato da Ricable, nato per raccogliere feedback dagli audiofili, al fine di portare a un continuo miglioramento dei prodotti presenti nel catalogo. Ultimo ma non meno importante, coloro che aderiscono al programma ricevono a casa un attestato, con lo scopo di attestare come il cliente sia entrato a tutti gli effetti a fare parte della “famiglia Ricable”.
Il seguente Feedback è stato realizzato sulla base di un questionario predefinito a cui l’utente ha restituito le proprie impressioni, in maniera completamente libera. Ringraziamo Raffaello per il tempo che ci ha dedicato.

Cosa ti ha fatto scegliere Ricable?

Conosco la marca Ricable da molto tempo, perché anni fa ebbi modo di acquistare due cavi HDMI, che uso tutt’oggi e apprezzo con grande ammirazione per il livello costruttivo e per la resa complessiva sia audio che video. Non avevo mai avuto modo di testare di persona i cavi Hi-Fi che realizza questa società, e siccome mi si è presentata l’occasione, l’ho voluto fare, anche perché ero davvero molto curioso.
Da vecchio pioniere dell’alta fedeltà (fin dagli anni Settanta), ho provato tanti marchi di cavi più o meno blasonati, e dopo numerosi confronti diretti posso affermare, con certezza, che non è assolutamente il prezzo che fa la qualità intrinseca di ognuno di loro.

Invictus Signal Raffaello
Invictus Signal Contesto
Cosa pensi della costruzione
e dell’estetica
del prodotto?

Il cavo Invictus di segnale da tre metri, terminato RCA, che ho acquistato, è un manufatto bellissimo, curato in tutti i suoi dettagli. La confezione, con cui ti viene spedito, è di tutto rilievo, e all’interno è presente un’imbottitura che lo protegge da qualsiasi urto. Nella sostanza, sono stati molto curati i particolari che ne fanno davvero la differenza, quali: calza, connettori, saldature, dorature. Anche la cosmesi è stata considerata, perché il cavo ha un’aspetto davvero notevole.

Come hai svolto le prove? Quali brani hai utilizzato per mettere alla prova il cavo?

Quindi, l’ho collegato subito al lettore digitale, e dopo avergli fatto fare un rodaggio di una quarantina di ore, come è giusto che sia, ho cominciato ad ascoltarlo, con attenzione, mettendolo direttamente a confronto con cavi di tutto rilievo, e di cui conosco la timbrica molto bene. Il confronto l’ho fatto con i cavi in mio possesso, Transparent Plus, Ultra, YBA Diamond, Mandrake in argento (cavo famoso negli anni Novanta), cavi che io apprezzo tantissimo per la sonorità morbida, il contrasto dinamico, l’ampiezza del palcoscenico immaginario, la profondità dell’immagine.

Invictus Signal Raffaello
Invictus Signal Raffaello
Quali sono state le tue
impressioni di ascolto?

Per il test che ho condotto, ho usato il materiale musicale più variegato possibile, per mettere in risalto tutte le peculiarità del componente in prova, ossia:

  • Barocco
    • Le quattro stagioni di Vivaldi, disco Archiv
    • Händel, Musica sull’acqua
    • Händel, Concerti grossi
  • Pop, rock, fusion
    • Peter Gabriel, Up
    • Pink Floyd, The Endless River
    • Dire Straits, Dire Straits
    • Al Jarreau, Tenderness
    • Dead Can Dance, Into the Labyrinth
    • Chick Corea, Plays
    • Pat Metheny, The Road to You
    • Genesis, Seconds Out
    • Dave Grusin, Cinemagic
    • Steely Dan, Gaucho
    • Karen Souza, Essentials
    • Tracy Chapman, Tracy Chapman
  • Musica italiana
    • Mina, Fiorella Mannoia, Lucio Dalla , Francesco De Gregori, Fabrizio De André

Le tue conclusioni.

Ebbene… l’Invictus, dopo il lungo rodaggio, ha dimostrato di avere delle notevoli caratteristiche, quali:

  • equilibrio timbrico: ogni frequenza ha una propria collocazione, senza prevaricazione alcuna;
  • trasferimento della dinamica: sembra che il segnale abbia meno ostacoli e che arrivi con più energia e velocità;
  • smorzamento: i transienti più veloci sono frenati, e ben articolati;
  • setosità: i medio-alti hanno una trama che non affatica mai, anche nelle lunghe sessioni di ascolto;
  • ampiezza dell’immagine: le casse scompaiono, maggiore è il realismo globale;
  • profondità: anche questa dimensione, si è dilatata;
  • abbattimento del rumore: giova l’aumento del micro e del macro contrasto.
Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa ti è piaciuto?

– Cura dei dettagli
– Estetica notevolissima
– Rapporto qualità/prezzo, nel mio contesto, almeno
– La totale mancanza di fatica di ascolto

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa miglioreresti?

– Nulla da segnalare