Le Recensioni dei Clienti

Recensione #46 – Cavo Invictus Signal – Ricable Review

Invictus Signal Raffaello
Icona Ricable Review
Il mio Ricable

Raffaello C.

Sorgenti: Lettore CD Audio Research CD5; Giradischi Michell GyroDec con braccio Audio Technica AT1100 e testina Grado Reference

Amplificatore: Preamplificatore Audio Research SP-10 MKII; Finale Audio Research D300

Diffusori acustici: B&W 805 Signature

Altro: Subwoofer B&W DB3D; Sintonizzatore Sansui TU-717; Filtri di rete Systems and Magic; Ambiente d’ascolto trattato da Acustica Applicata 

La seguente recensione del cavo Invictus Signal è il frutto dell’iniziativa “Ricable Review”. Ricable Review è il programma ideato da Ricable, nato per raccogliere feedback dagli audiofili, al fine di portare a un continuo miglioramento dei prodotti presenti nel catalogo. Ultimo ma non meno importante, coloro che aderiscono al programma ricevono a casa un attestato, con lo scopo di attestare come il cliente sia entrato a tutti gli effetti a fare parte della “famiglia Ricable”.
Il seguente Feedback è stato realizzato sulla base di un questionario predefinito a cui l’utente ha restituito le proprie impressioni, in maniera completamente libera. Ringraziamo Raffaello per il tempo che ci ha dedicato.

Cosa ti ha fatto scegliere Ricable?

Conosco la marca Ricable da molto tempo, perché anni fa ebbi modo di acquistare due cavi HDMI, che uso tutt’oggi e apprezzo con grande ammirazione per il livello costruttivo e per la resa complessiva sia audio che video. Non avevo mai avuto modo di testare di persona i cavi Hi-Fi che realizza questa società, e siccome mi si è presentata l’occasione, l’ho voluto fare, anche perché ero davvero molto curioso.
Da vecchio pioniere dell’alta fedeltà (fin dagli anni Settanta), ho provato tanti marchi di cavi più o meno blasonati, e dopo numerosi confronti diretti posso affermare, con certezza, che non è assolutamente il prezzo che fa la qualità intrinseca di ognuno di loro.

Invictus Signal Raffaello
Invictus Signal Contesto
Cosa pensi della costruzione
e dell’estetica
del prodotto?

Il cavo Invictus di segnale da tre metri, terminato RCA, che ho acquistato, è un manufatto bellissimo, curato in tutti i suoi dettagli. La confezione, con cui ti viene spedito, è di tutto rilievo, e all’interno è presente un’imbottitura che lo protegge da qualsiasi urto. Nella sostanza, sono stati molto curati i particolari che ne fanno davvero la differenza, quali: calza, connettori, saldature, dorature. Anche la cosmesi è stata considerata, perché il cavo ha un’aspetto davvero notevole.

Come hai svolto le prove? Quali brani hai utilizzato per mettere alla prova il cavo?

Quindi, l’ho collegato subito al lettore digitale, e dopo avergli fatto fare un rodaggio di una quarantina di ore, come è giusto che sia, ho cominciato ad ascoltarlo, con attenzione, mettendolo direttamente a confronto con cavi di tutto rilievo, e di cui conosco la timbrica molto bene. Il confronto l’ho fatto con i cavi in mio possesso, Transparent Plus, Ultra, YBA Diamond, Mandrake in argento (cavo famoso negli anni Novanta), cavi che io apprezzo tantissimo per la sonorità morbida, il contrasto dinamico, l’ampiezza del palcoscenico immaginario, la profondità dell’immagine.

Invictus Signal Raffaello
Invictus Signal Raffaello
Quali sono state le tue
impressioni di ascolto?

Per il test che ho condotto, ho usato il materiale musicale più variegato possibile, per mettere in risalto tutte le peculiarità del componente in prova, ossia:

  • Barocco
    • Le quattro stagioni di Vivaldi, disco Archiv
    • Händel, Musica sull’acqua
    • Händel, Concerti grossi
  • Pop, rock, fusion
    • Peter Gabriel, Up
    • Pink Floyd, The Endless River
    • Dire Straits, Dire Straits
    • Al Jarreau, Tenderness
    • Dead Can Dance, Into the Labyrinth
    • Chick Corea, Plays
    • Pat Metheny, The Road to You
    • Genesis, Seconds Out
    • Dave Grusin, Cinemagic
    • Steely Dan, Gaucho
    • Karen Souza, Essentials
    • Tracy Chapman, Tracy Chapman
  • Musica italiana
    • Mina, Fiorella Mannoia, Lucio Dalla , Francesco De Gregori, Fabrizio De André

Le tue conclusioni.

Ebbene… l’Invictus, dopo il lungo rodaggio, ha dimostrato di avere delle notevoli caratteristiche, quali:

  • equilibrio timbrico: ogni frequenza ha una propria collocazione, senza prevaricazione alcuna;
  • trasferimento della dinamica: sembra che il segnale abbia meno ostacoli e che arrivi con più energia e velocità;
  • smorzamento: i transienti più veloci sono frenati, e ben articolati;
  • setosità: i medio-alti hanno una trama che non affatica mai, anche nelle lunghe sessioni di ascolto;
  • ampiezza dell’immagine: le casse scompaiono, maggiore è il realismo globale;
  • profondità: anche questa dimensione, si è dilatata;
  • abbattimento del rumore: giova l’aumento del micro e del macro contrasto.
Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa ti è piaciuto?

– Cura dei dettagli
– Estetica notevolissima
– Rapporto qualità/prezzo, nel mio contesto, almeno
– La totale mancanza di fatica di ascolto

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa miglioreresti?

– Nulla da segnalare


Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *