Recensione Mario Magnus Speaker

Recensione #35 – Cavo Magnus Speaker MKII – Ricable Review

Icona Ricable Review
Il mio Ricable

Mario C.

Sorgenti: Lettore CD Marantz SA-KI Pearl

Amplificatore: Marantz KI Pearl

Diffusori acustici: Sonus Faber Liuto

Altro: No

La seguente recensione del cavo Magnus Speaker MKII è il frutto dell’iniziativa “Ricable Review”. Ricable Review è il programma ideato da Ricable, nato per raccogliere feedback dagli audiofili, al fine di portare a un continuo miglioramento dei prodotti presenti nel catalogo. Ultimo ma non meno importante, coloro che aderiscono al programma ricevono a casa un attestato, con lo scopo di attestare come il cliente sia entrato a tutti gli effetti a fare parte della “famiglia Ricable”.
Il seguente Feedback è stato realizzato sulla base di un questionario predefinito a cui l’utente ha restituito le proprie impressioni, in maniera completamente libera. Ringraziamo Mario per il tempo che ci ha dedicato.

Cosa ti ha fatto scegliere Ricable?

Me ne ha parlato un amico appassionato come me che aveva acquistato i Primus e mi aveva detto di aver notato la differenza rispetto ai cavi precedenti e mi sono incuriosito e ho subito esplorato il sito di Ricable rimanendone piacevolmente impressionato. Ho letto tutte le descrizioni che riguardavano i cavi in questione, in particolare la componentistica, lo spessore dei vari materiali e mi ha piacevolmente impressionato la qualità del materiale con cui erano costruiti i contatti finali (gli spinotti) che si inserivano nei diffusori e, all’ultimo, considerato il mio impianto stereo, ho optato per il cavo Magnus che ho reputato quello più idoneo al mio tipo di impianto.

Recensione Mario Magnus Speaker
Recensione Mario Magnus Speaker
Cosa pensi della costruzione
e dell’estetica
del prodotto?

Cercavo cavi molto flessibili e naturalmente di ottima qualità, dato che uno di essi doveva andare da una parete all’altra avendo uno dei diffusori lontano dall’ampli e dovendo adattarsi a passare a filo lungo la parete che lo separava dall’impianto in questione; ebbene, devo dire che nonostante la lunghezza e la dimensione del cavo (1,5 cm diametro) ho potuto collegare il cavo con facilità seguendo i contorni della parete. In più dà una sensazione di robustezza e solidità.

Come hai svolto le prove? Quali brani hai utilizzato per mettere alla prova il cavo?

Per confrontarlo con i cavi precedenti mi sono basato sull’ascolto di brani sia jazz che di musica classica e pop/rock (la mia preferita). Ho poi provato ad ascoltare gli stessi con i diversi filtri di ascolto di cui è provvisto il mio lettore CD. Per l’ascolto ho usato sia CD normali che SACD, sia classici che rock.

Recensione Mario Magnus Speaker
Recensione Mario Magnus Speaker
Quali sono state le tue
impressioni di ascolto?

Ho iniziato l’ascolto con un classico del jazz a me molto caro, ovvero Kind of Blue di Miles Davis. Che dire! Rimasto non dico a bocca aperta ma quasi: non che prima non lo sentissi bene, ma adesso riuscivo quasi a essere lì. Il suono era nitido e limpido, anche il suono delle spazzole e dei piatti della batteria era cristallino, per non parlare dei bassi corposi ma mai invadenti o esuberanti. Sono poi passato a Bach e l’ascolto era fluido e nitido. Infine ho ascoltato Santana e Springsteen in SACD. Mi sono deliziato, non so che altro aggiungere sinceramente.

Le tue conclusioni.

Il cavo Magnus MKII ha soddisfatto egregiamente tutte le mie più rosee aspettative. È veramente una rivelazione e poi, se devo dirla tutta, sono contentissimo e orgoglioso di avere in Italia una fabbrica di elettronica all’altezza degli stranieri e anche meglio. Ripeto: la performance è eccezionale, ma quello che mi ha conquistato è stata la limpidezza del suono che fa sì che ogni strumento risulti distinto dall’altro, riuscendo anche nei pezzi rock più “chiassosi” A DISTINGUERSI CHIARAMENTE.

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa ti è piaciuto?

– Nitidezza di ogni singolo strumento
– Cavi belli e facili da maneggiare
– Rapporto qualità/prezzo

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa miglioreresti?

– Scelta poco ampia di colori delle guaine


Recensione Roberto Cavi Magnus

Recensione #24 – Cavi Magnus Signal, Speaker, Coaxial, Sub e Turntable – Ricable Review

Icona Ricable Review
Il mio Ricable

Roberto C.

Sorgenti: Giradischi Thorens; lettore CD Cambridge CXC

Amplificatore: Cambridge CXA81

Diffusori acustici: Focal Aria 906

Altro: Pre phono Cambridge Audio Alva DUO; subwoofer Bowers & Wilkins ASW610XP

La seguente recensione dei cavi Magnus è il frutto dell’iniziativa “Ricable Review”. Ricable Review è il programma ideato da Ricable, nato per raccogliere feedback dagli audiofili, al fine di portare a un continuo miglioramento dei prodotti presenti nel catalogo. Ultimo ma non meno importante, coloro che aderiscono al programma ricevono a casa un attestato, con lo scopo di attestare come il cliente sia entrato a tutti gli effetti a fare parte della “famiglia Ricable”.
Il seguente Feedback è stato realizzato sulla base di un questionario predefinito a cui l’utente ha restituito le proprie impressioni, in maniera completamente libera. Ringraziamo Roberto per il tempo che ci ha dedicato.

Cosa ti ha fatto scegliere Ricable?

È risaputo che la qualità dei cavi è fondamentale in un sistema Hi-Fi; qualsiasi impianto, anche un Hi-End, senza cavi di qualità, non può esprimere le sue reali potenzialità. È come avere una macchina supersportiva e dotarla di pneumatici scadenti. Ben consapevole di questo, ho deciso di investire un po’ di soldi in cavi di qualità. Ho cercato su internet i vari prodotti disponibili sul mercato e ho letto un po’ di recensioni. In questa mia ricerca ho trovato Ricable che, essendo un brand italiano, ha ottenuto subito la mia attenzione. Mi sono letto attentamente le varie caratteristiche di tutti i loro prodotti, da quelli Hi-End all’entry level e alla fine ho deciso di fidarmi; diciamo che il primo acquisto è stato un salto nel buio.

Recensione Roberto Cavi Magnus
Recensione Roberto Cavi Magnus
Cosa pensi della costruzione
e dell’estetica
del prodotto?

La prima cosa che mi ha colpito una volta scartato il pacco, è la bella scatola contenente i cavi/o, molto ben curata, sia come grafica che come materiale, insomma non è la solita scatola di cartone fatta a risparmio. Per quanto riguarda i cavi, che dire, sono bellissimi da vedere e non appena si prendono in mano si capisce subito il livello della qualità costruttiva. I connettori sono uno spettacolo, hanno un sistema di serraggio eccezionale, infatti sono dotati di una scocca esterna che prima dell’inserimento del connettore va svitata e poi riavvitata per serrare gli anelli di massa, veramente di pregevole fattura.

Come hai svolto le prove? Quali brani hai utilizzato per mettere alla prova il cavo?

Una volta sistemati tutti i cavi e fatti tutti i collegamenti necessari, ho iniziato, per la prova di ascolto, con brani con una registrazione di livello e che conosco perfettamente, come ad esempio Private Investigations dei Dire Straits; ho poi continuato la mia prova di ascolto con brani che mi facessero apprezzare la qualità dei bassi, come ad esempio The Sea di ARY.

Recensione Roberto Cavi Magnus
Recensione Roberto Cavi Magnus
Quali sono state le tue
impressioni di ascolto?

Premetto che non mi reputo un esperto e raffinato audiofilo, e non credo di essere all’altezza di potere fare una recensione di livello. L’unica cosa che posso fare è quella di riportare ciò che ho percepito rispetto a quando il mio impianto suonava con i cavi che sono in dotazione all’atto dell’acquisto dei vari componenti. La cosa che mi ha colpito di più e che ho meglio percepito è stata la cosiddetta messa in scena sonora, nel senso che adesso riesco meglio a localizzare da dove viene riprodotto quel dato strumento o quella voce, non so come spiegarmi, direi che la scena è più centrata.

Le tue conclusioni.

Sono molto soddisfatto del mio investimento. Quando ho acquistato i cavi Ricable, come ho già detto, è stato un salto nel buio e onestamente un po’ di timore di avere speso soldi invano l’ho avuto, ma dopo l’ascolto ho tirato un sospiro di sollievo, tanto che presto completerò il mio “parco cavi” acquistando i cavi di alimentazione, che adesso sono gli unici accessori Ricable che mi mancano.

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa ti è piaciuto?

– Messa in scena
– Estetica
– Rapporto qualità/prezzo

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa miglioreresti?

– Nulla da segnalare


Recensione Guido Magnus Speaker

Recensione #13 – Cavo Magnus Speaker – Ricable Review

Icona Ricable Review
Il mio Ricable

Guido P.

Sorgenti: Giradischi Pro-Ject Debut Carbon Esprit; lettore CD Marantz CD6006

Amplificatore: Preamplificatore Advance Acoustic Smart X-P500; Finale Advance Acoustic X-A160

Diffusori acustici: Klipsch RP-6000F

Altro: No

La seguente recensione del cavo Magnus Speaker è il frutto dell’iniziativa “Ricable Review”. Ricable Review è il programma ideato da Ricable, nato per raccogliere feedback dagli audiofili, al fine di portare a un continuo miglioramento dei prodotti presenti nel catalogo. Ultimo ma non meno importante, coloro che aderiscono al programma ricevono a casa un attestato, con lo scopo di attestare come il cliente sia entrato a tutti gli effetti a fare parte della “famiglia Ricable”.
Il seguente Feedback è stato realizzato sulla base di un questionario predefinito a cui l’utente ha restituito le proprie impressioni, in maniera completamente libera. Ringraziamo Guido per il tempo che ci ha dedicato.

Cosa ti ha fatto scegliere Ricable?

Ero alla ricerca di un cavo che migliorasse il suono del mio impianto, che potesse togliere quella sensazione di affaticamento all’ascolto. Sono partito usando del semplice cavetto di rame per poi passare a un cavo della Dynaudio, comprato assolutamente a caso, ma il risultato non mi soddisfaceva minimamente. È così cominciata la mia ricerca di una soluzione frequentando e leggendo diversi forum e recensioni. Cercavo un cavo che, pur non costando una follia, potesse in rapporto qualità/prezzo fare al caso mio e al mio impianto.

Recensione Guido Magnus Speaker
Magnus Speaker
Cosa pensi della costruzione
e dell’estetica
del prodotto?

Fin dalla confezione, si capisce che il prodotto è curato nei minimi particolari. Ho trovato, pur essendo il cavo di un certo spessore, assolutamente non rigido. I connettori a banana e le guaine sono perfette, soprattutto le guaine sono terminate con precisione. Al primo inserimento delle banane nei connettori ho trovato qualche difficoltà, ma ciò garantisce un contatto ottimale.

Come hai svolto le prove? Quali brani hai utilizzato per mettere alla prova il cavo?

Ascolto prevalentemente musica rock e blues e non ho fatto altro che ascoltare brani da me conosciuti molto bene, sia su supporto in vinile che su CD, con i precedenti cavi. La prova è durata circa tre settimane dato che avevo letto che anche i cavi hanno bisogno di un periodo di rodaggio.

Magnus Speaker
Recensione Guido Magnus Speaker
Quali sono state le tue
impressioni di ascolto?

L’impressione di ascolto, dopo tre settimane, per quanto mi riguarda non può che essere che positiva. Non sono un audiofilo puro, mi si passi il termine, ma ero alla ricerca di un cavo che migliorasse il suono a volte troppo affaticante dei cavi provati in precedenza. Volevo un cavo che equilibrasse ed esaltasse maggiormente le frequenze, senza soffocarle, e credo di averlo trovato in questo Magnus. Sono pienamente soddisfatto, ritengo che il mio impianto sia migliorato del 30%, il che non è poco. Frequenze basse più arrotondate e più dettaglio in quelle medio-alte.

Le tue conclusioni.

Per concludere mi ritengo pienamente soddisfatto dell’acquisto. Li consiglierei? Sì. Ma tengo a sottolineare che il risultato finale è soggetto a molte varianti, al tipo di impianto, alla stanza di ascolto e, per ultimo, ma non meno importante, al gusto personale. Il rapporto qualità-prezzo credo che ci sia tutto, anche se è ovvio che i soldi spesi non siano pochi.

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa ti è piaciuto?

– Ottima performance
– Costruzione impeccabile

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa miglioreresti?

– Nulla da segnalare