Articoli

Come trovare la fase in un impianto Hi-Fi

cavi elettrici fase controfase

Ai fedelissimi del blog Ricable non risulterà completamente nuovo il concetto di fase e di controfase. Lo avevamo già affrontato quando vi abbiamo offerto alcuni accorgimenti, il più delle volte gratuiti, con cui ottimizzare le performance della catena audio. Nel caso di installazioni particolarmente rilevatrici, per capire se queste sono in fase oppure in controfase, può bastare l’orecchio. Il difficile però è “scovare” quali elettroniche siano in fase e quali no. Ma partiamo dall’inizio, ossia: cosa sono fase e controfase, per poi passare a spiegarvi come potete effettuare dei test per trovare la fase nel vostro impianto Hi-Fi.

Fase e controfase elettronica audio

Cosa vuol dire mettere a punto la fase di alimentazione? Ciò che fornisce energia ai nostri impianti è la corrente di rete, dunque una cattiva alimentazione di un’elettronica non può che portare a un funzionamento meno prestante della stessa, che condizionerà direttamente il suono. La corrente arriva a 220 V in tre contatti nelle nostre case: terra (in mezzo, e in questo caso non ci interessa), fase e neutro. In realtà un apparecchio alimentato a corrente alternata funziona sia in un verso che nell’altro, specialmente se si tratta di elettroniche poco delicate, come un forno o un frigorifero. In certi casi invece è importante inserire la spina nel verso giusto, e mettere un impianto Hi-Fi in fase costituisce proprio questo. È un problema che non riguarda solo l’Hi-Fi, ma anche altri contesti, come ad esempio quello delle caldaie. In ogni caso, avere un solo apparecchio in controfase porterà ad avere l’intero impianto in controfase. Non un problema da poco, se si considera che quando la catena audio è tutta in fase ci sono una maggiore articolazione della gamma bassa, una rappresentazione della scena più nitida, una migliore messa a fuoco e una tridimensionalità più evidente. Altre due premesse: la maggior parte degli apparecchi ha la fase nel lato destro; la prima messa in fase andrebbe fatta con il distributore di rete e con il condizionatore di rete.

Trovare fase e controfase nella presa a muro

Per trovare fase e controfase nella presa a muro dovrete prendere un cacciavite cercafase e inserirlo alternativamente nei fori laterali della presa stessa. Ci raccomandiamo di prendere tutte le precauzioni del caso prima di effettuare questa operazione.

cacciavite cercafase

Si può anche pensare di chiedere di farla fare a qualcuno più esperto in questo campo. Quando il cacciavite cercafase si illuminerà, vorrà dire che avremo toccato il punto per cui passa la fase. Un’altra soluzione più empirica è aprire la presa; se il nostro impianto è piuttosto moderno e realizzato secondo gli standard italiani, troveremo tre cavi di colore diverso: uno blu (neutro), uno giallo o verde (terra) e un terzo di colore variabile (nero, bianco, marrone…) che costituisce proprio quello di fase. Ora potete collegare il cavo di alimentazione alla presa facendo sì che le due fasi siano corrispondenti.

Cercare fase e controfase nell'impianto Hi-Fi

Come trovare la fase dell’amplificatore nel proprio impianto Hi-Fi, ad esempio? Condizione necessaria è che ogni componente non debba essere collegato agli altri da nessun tipo di cavo o connettore, dunque deve essere inserito il solo il cavo di alimentazione. Rinnoviamo ancora una volta l’invito a effettuare queste operazioni con la massima attenzione, specie se il vostro impianto elettrico non è dotato di salvavita (anzi, se il vostro impianto elettrico non è dotato di salvavita, dovreste evitare proprio di metterci mano!).

Con il cacciavite cercafase

A questo punto, possiamo passare al primo metodo utile per trovare la fase nelle nostre elettroniche. Per prima cosa procuratevi un cacciavite cercafase, dal costo di una manciata di euro. Collegate solo il cavo di alimentazione e accendete l’apparecchio; usate scarpe isolanti in gomma per non scaricare a terra la lettura del cercafase, appoggiate il cercafase su un punto del telaio (ad esempio una vite o un punto non isolato da vernice), avendo l’accortezza di non toccare niente (altrimenti scarichereste tutto a terra e sarebbe inutile fare la misura). Accendete il cercafase poggiando un dito sulla parte metallica superiore. Fatto ciò, notate l’intensità luminosa del cercafase. Ora dovete girare la spina del cavo di alimentazione e ripetere la procedura, per vedere se l’intensità luminosa sia inferiore o maggiore rispetto all’altro lato.

L’apparecchio è in fase giusta nella posizione della spina in cui l’intensità della luce del cercafase è inferiore. Fate un segno sulla spina con un pennarello o altro; la parte della spina appena segnata è quella che va collegata a fase con la presa a muro. Questa misura è soggettiva, in quanto la luminosità della lampadina del cercafase dipende dalla resistenza elettrica del nostro corpo. Per qualcuno si potrebbe illuminare molto, per altri poco, per altri ancora non si potrebbe illuminare proprio. In quest’ultimo caso dovreste passare al secondo metodo per trovare la fase nel vostro impianto Hi-Fi.

multimetro tester

Con il multimetro

Per quanto riguarda il secondo metodo, la prima cosa da fare vostra è un tester elettronico (parliamo di poco più di una decina di euro di spesa). Collegate l’apparecchio come descritto nel primo metodo. Impostate il valore di misurazione del tester sui mV a corrente alternata. Poggiate il puntale del polo negativo su una vite a telaio non isolata da vernice e quello del polo positivo sul polo caldo di qualsiasi connettore RCA (meglio se di uscita) presente sul pannello posteriore. Leggete il valore sul tester e scrivetelo. Poi girate la spina e ripetete la misurazione; il valore più basso tra le due misure corrisponderà alla corretta fase dell’apparecchio. Fate un segno sulla spina con un pennarello o altro; la parte della spina appena segnata è quella che va collegata a fase nella presa a muro. Questa operazione la dovete ripetere su ogni apparecchio, purché sia sempre scollegato agli altri.

Il ruolo dei cavi di alimentazione Hi-Fi

A questo punto tutti gli apparecchi sono in fase, e dovrete effettuare questo procedimento nuovamente solo nel caso in cui vogliate inserire una nuova elettronica nella vostra catena audio. Se avete eseguito tutto in modo corretto, noterete che tutte le spine degli apparecchi avranno il punto fase che avete contrassegnato in corrispondenza della fase contrassegnata sulla ciabatta. Sottolineiamo ancora una volta come un’alimentazione ottimale delle proprie elettroniche non possa non contribuire efficacemente alla restituzione di un suono fermo e trasparente; per saperne di più, vi rimandiamo a questo nostro articolo. Per avere un collegamento solido ed efficace nel vostro impianto Hi-Fi, invece, vi consigliamo di dare un’occhiata ai nostri cavi di alimentazione, realizzati a mano in Italia con materiali di prima qualità.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *