Le Recensioni dei Clienti

Recensione #1 – Cavo USB Magnus – Ricable Review

Recensione USB Magnus Maurizio Maurizio
Icona Ricable Review
Il mio Ricable

Maurizio B.

Sorgenti: Giradischi Rega Planar 3, Testina MC Rega Aria; per il digitale MacBook Pro

Amplificatore: Rega Elex-R

Diffusori acustici: Russell K Red 50

Altro: Rega DAC-R; Preamplificatore Phono Rega Aria; Alimentatore Rega Neo TT PSU; Ciabatta GigaWatt

La seguente recensione del cavo USB Magnus è il frutto dell’iniziativa “Ricable Review”. Ricable Review è il programma ideato da Ricable, nato per raccogliere feedback dagli audiofili, al fine di portare a un continuo miglioramento dei prodotti presenti nel catalogo. Ultimo ma non meno importante, coloro che aderiscono al programma ricevono a casa un attestato, con lo scopo di attestare come il cliente sia entrato a tutti gli effetti a fare parte della “famiglia Ricable”.
Il seguente Feedback è stato realizzato sulla base di un questionario predefinito a cui l’utente ha restituito le proprie impressioni, in maniera completamente libera. Ringraziamo Maurizio per il tempo che ci ha dedicato.

Cosa ti ha fattoscegliere Ricable?

Mesi fa ero alla ricerca di un cavo digitale USB per il mio Rega DAC-R e, avendo già acquistato vari prodotti Ricable con soddisfazione, in particolare il cavo RCA Magnus e i cavi di alimentazione Custom H6P (questi ultimi hanno dato una carica di energia all’impianto veramente inaspettata), mi sono detto come mai non avessero in catalogo un cavo USB, ho atteso pazientemente il suo arrivo e finalmente è arrivato.

Magnus USB
Recensione USB Magnus Maurizio
Cosa pensi della costruzione
e dell’estetica
del prodotto?

Solo la cura della confezione (anche al tatto) dà l’idea di cosa ci aspetta dentro, mi piace anche la colorazione verde prato con in evidenza una serigrafia ottimamente fatta, all’interno anche il certificato di garanzia a VITA.

Il cavo si presenta in tutta la sua bellezza, sì, perché e proprio bello e ben fatto con le sue nuove guaine termorestringenti a protezione dei connettori, comode anche nelle presa; il cavo è robusto ma sufficientemente flessibile, simpatiche le fascette stringi-cavi con la bandiera italiana, per richiamare con orgoglio il Made in Italy del prodotto.

Come hai svolto le prove? Quali brani hai utilizzato per mettere alla prova il cavo?

Premessa: il mio impianto è nato per l’esclusivo ascolto in analogico, quindi giradischi e vinile a tutta birra, solo di recente ho deciso di condividere questa mia passione con il digitale, da qui l’arrivo del Rega DAC-R. Come notate, praticamente l’impianto è monomarca, giusto per aver la sicurezza dell’equilibrio tra le varie elettroniche. Il DAC, come suono, si avvicina al gusto analogico del giradischi. Le casse monitor Russell K Red 50 sono estremamente inflessibili nel fare risaltare le buone e le cattive registrazioni… ma molto molto musicali… sono per me il gioiello dell’impianto. Per l’ascolto procedo sia in streaming sia attraverso file su hard disk, tutti in formato FLAC 24 bit 192 kHz, e come confronto una cavo USB da battaglia e un cavo in fibra ottica, quindi uscita digitale del Mac… poi amo fare la comparazione in diretta tra vinile e file digitale… avendo cura di scegliere i vinili da master analogico, facendo partire in contemporanea il brano sui i due formati… questo perché il mio riferimento è l’ascolto in vinile.

Recensione Maurizio USB Magnus
Recensione USB Magnus Maurizio
Quali sono state le tue
impressioni di ascolto?

La prova è suddivisa su tre giorni… ogni giorno un genere diverso di musica ripetuta per varie volte sui brani scelti, anche per rodare il più possibile il nuovo cavo.
Il primo ascolto parte con la Nona Sinfonia di Beethoven in quanto opera completa di passaggi strumentali, voci singole, e nel finale bellissimi cori, quindi vasta possibilità di giudizio in un solo brano… mi piace sentire l’aria, il respiro della musica, quello che spesso il digitale toglie, dopotutto la musica è vibrazione dell’aria, il cavo Ricable per ora è quello che più si avvicina a tale scopo, colgo un addolcimento del suono rispetto al cavo di routine che uso di solito. Attenzione: per addolcimento non intendo una colorazione del suono, ma una più naturalezza rispetto alla, si far per dire, “freddezza digitale”. Rimango sempre del parere che una buona registrazione analogica e un impianto adeguato a supporto sia da preferire… altra musica. Il cavo Ricable fa il suo lavoro di trasferimento dati… credo sia molto più difficile giudicare un cavo preposto al digitale rispetto a uno preposto all’analogico proprio per la loro caratteristica tecnica… la priorità del cavo è quella di non aggiungere o togliere nulla al fluire della musica, il suono, la dinamica, la timbrica della voce sono priorità della registrazione e della bontà dell’impianto. L’USB Magnus fa il suo lavoro, nulla toglie, nulla aggiunge, e non è poca cosa.
Secondo giorno di ascolto, si prosegue con un’ottima registrazione digitale del Dave Brubeck Quartet, At Carnegie Hall, registrazione dal vivo, possiedo anche qui la versione completamente analogica e l’ascolto è in contemporanea cambiando in diretta il selettore da giradischi a DAC, e qui devo sinceramente ammettere che il digitale mi batte alla grande il mio amato suono analogico… anche in questo caso il cavo Magnus rimane imparziale, non dà e non cede nulla, fa fluire il suono in modo veramente credibile e naturale.
Terzo giorno di ascolto, arrivano gli AC/DC, Power Up, ultima fatica del gruppo… bel basso, profondo il giusto, senza sopraffare la voce rauca di Brian Johnson, qui il Magnus Ricable mette in evidenza la sensazione di dolcezza che ho avuto nei primi ascolti, questo disco prima facevo fatica ad ascoltarlo per molto, ora è tutto più piacevole, forse… lo dico senza prove oggettive, il famoso jitter digitale che affligge il risultato sonoro è più protetto dal cavo Ricable, con risultato di una minor distorsione, non udibile ma che appesantisce la fatica di ascolto, ma non sono un tecnico, solo un ascoltatore di lunga data e prendete questo mio parere come… una sensazione personale.

Le tue conclusioni.

Mi sono preso un giorno in più, stavolta ho riascoltato tutti e tre i generi musicali uno dietro l’altro, e ho tratto la conclusione finale. Posso mettere alla pari la mia fissa sul suono analogico con quello digitale, di sicuro USB Magnus mi ha aiutato in questa scelta, ora faccio riposare un po’ di più la mia testina del giradischi, sto piano piano cambiando tutti i mie cavi puntando tutto sulla Ricable, devo confessare che sono partito scettico sulla storia dei cavi, visto anche il loro costo, ho iniziato questa avventura con dei Nordost non proprio a buon mercato, ma ne sono rimasto un po’ deluso, poi ho voluto provare i Ricable e qui per me è stata la svolta, sono ben fatti, belli, costano molto meno di molti concorrenti blasonati, e soprattutto fanno suonare l’impianto come volevo io… Che dire, grazie per questa realtà e per la vostra passione… che poi è anche la mia.

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa ti è piaciuto?

– La naturalezza del suono
– Molto ben fatto e flessibile il giusto vista anche la robustezza
– Molto vantaggioso rispetto alla concorrenza straniera

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa miglioreresti?

– Nulla da segnalare


Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *