Articoli

Valutazione e rodaggio di un cavo Hi-Fi nel proprio impianto

casa salotto

C’è sempre un’accesa diatriba per quel che concerne il rodaggio di un cavo per l’Hi-Fi. Alcuni audiofili ci dicono che è superfluo rodare i cavi, mentre altri che è importante tanto quanto il rodaggio fatto ad altri componenti Hi-Fi. Innanzitutto: cosa si intende per rodaggio e perché è importante?

Cosa è il rodaggio e perché è importante?

Il rodaggio di componenti Hi-Fi si esegue semplicemente facendo funzionare l’apparato in questione, per un certo periodo di tempo, al fine di stabilizzarne il funzionamento e ottenere un risultato definitivo. La sua importanza è in alcuni casi fondamentale, in quanto alcuni componenti hanno una modifica rilevante nelle performance sonore prima e dopo il rodaggio. Ricable, come produttore, ufficialmente non ritiene che il rodaggio di un cavo Hi-Fi sia fondamentale, o meglio, non dà indicazioni in merito a se e come farlo. Parecchi clienti però ci hanno segnalato che, inserendo i nostri cavi all’interno delle loro catene Hi-Fi, hanno sentito un netto miglioramento dopo un periodo di rodaggio di una quindicina di giorni.

Perché alcuni si e alcuni no? Noi, da sempre, affermiamo che ogni sistema Hi-Fi è unico e questo ci fa pensare che l’inserimento di un nostro cavo nei vari sistemi possa avvenire in modo diverso, anche quando si parla di rodaggio.

Visto che non ha un costo, fatelo!

Il bello del rodaggio, che sia di un cavo, di un amplificatore o di un diffusore acustico, è che non ha un costo e non prevede tecniche astruse per metterlo in pratica. Quindi il nostro consiglio è comunque di farlo sempre, prima di trarre qualsiasi valutazione in merito.

magnus speaker

La valutazione di un cavo Hi-Fi

Molti nostri clienti ci hanno confessato di avere riscontrato un netto miglioramento dopo decine, se non centinaia di ore di “rodaggio” dei nostri cavi. A entrare in gioco qui è un aspetto estremamente interessante, che potremmo definire come il rodaggio del nostro orecchio. Alla base della progettazione dei cavi Ricable c’è una parola chiave indiscutibile: neutralità. Ogni cavo Ricable, pur con le inevitabili differenze dovute al pregio della serie a cui appartiene, punta a restituire all’ascoltatore un suono che sia il più vicino possibile a quello concepito dall’artista che ha realizzato il brano, interfacciandosi con le elettroniche che collega.

Neutralità, però, non significa anonimato, ma corrispondenza massima alla realtà. Ciò vuol dire che chiunque sia abituato a un cavo che enfatizzi alte o basse frequenze, potrebbe trovare il suono di un cavo Ricable “diverso”. Non solo. L’audiofilo che ha appena acquistato un cavo Ricable, essendo abituato ad altro, potrebbe non gradire proprio il nuovo suono emesso dal proprio impianto. È questo il caso di un nostro cliente che, inizialmente, si è dichiarato poco entusiasta del nostro Invictus, salvo poi dichiararsene soddisfattissimo. Forse perché nel frattempo il cavo si è rodato? Oppure perché l’orecchio del nostro amico audiofilo si è abituato al nuovo suono? La risposta più veritiera è, probabilmente… entrambe le cose. A conferma di ciò, abbiamo una circostanza in cui ci imbattiamo ciclicamente.

dedalus signal

Più di una volta abbiamo venduto cavi usati (dunque rodati). Curiosamente ci è stato segnalato che, dopo un certo periodo, il suono era migliorato. Considerato questo, possiamo ipotizzare che se una persona è abituata ad ascoltare un impianto con lo stesso set-up da molto tempo, si abitua a un suono. Anche se non è il più corretto, quando cambia un componente (nel nostro caso un cavo), di primo acchito può rimanere insoddisfatto, perché il suo orecchio è abituato al suono precedente. Con il passare del tempo, il componente forse si roda pure, ma è soprattutto l’orecchio ad assimilare il nuovo suono. Dopo un giusto periodo, il ritorno al vecchio componente non è più neanche ponderabile dalla persona.

Quindici giorni per togliersi i dubbi

È per questo che un consiglio teorico che diamo è di non effettuare test e confronti con “l’attacca-stacca” in un lasso di tempo ridotto. Piuttosto, consigliamo di mantenere il nuovo set-up per almeno due settimane, e poi provare a tornare alla vecchia modalità di ascolto. La soluzione è dunque istituire un confronto basato su prove di ascolto di durata sufficiente. Direttamente derivante da questo suggerimento, c’è anche un vantaggio che offriamo ai nostri clienti molto più pratico. Ci riferiamo alla garanzia Soddisfatti o Rimborsati estesa addirittura a sessanta giorni, esattamente il quadruplo rispetto a quelli previsti dalla legge. Solo in questo modo ci sentiamo di offrire un periodo di tempo, a nostro avviso, sufficiente per fare un corretto “rodaggio”. Un rodaggio sia del nostro cavo, sia del nostro udito. Alla base di tutte queste considerazioni ci deve essere il fatto che i cavi in questione siano prodotti di qualità, come quelli che offriamo ai nostri clienti. Per scoprire tutte le nostre serie e tutte le nostre tipologie di cavi, vi invitiamo a cliccare sul bottone sottostante.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *