Le Recensioni dei Clienti

Recensione #4 – Cavo USB Magnus – Ricable Review

Ricable Review Adriano
Icona Ricable Review
Il mio Ricable

Adriano L.

Sorgenti: Mini PC Windows ottimizzato per uso audio

Amplificatore: Unison Research Simply Italy

Diffusori acustici: Harbeth C7ES3

Altro: DAC M2tech Young MkIII

La seguente recensione del cavo USB Magnus è il frutto dell’iniziativa “Ricable Review”. Ricable Review è il programma ideato da Ricable, nato per raccogliere feedback dagli audiofili, al fine di portare a un continuo miglioramento dei prodotti presenti nel catalogo. Ultimo ma non meno importante, coloro che aderiscono al programma ricevono a casa un attestato, con lo scopo di attestare come il cliente sia entrato a tutti gli effetti a fare parte della “famiglia Ricable”.
Il seguente Feedback è stato realizzato sulla base di un questionario predefinito a cui l’utente ha restituito le proprie impressioni, in maniera completamente libera. Ringraziamo Adriano per il tempo che ci ha dedicato.

Cosa ti ha fattoscegliere Ricable?

Ricable è una ditta che conosco oramai da dieci, forse quindici anni, da quando cominciai ad appassionarmi al mondo dell’home cinema. Con il mio primo videoproiettore comprai anche il mio primo cavo Ricable, un cavo HDMI della serie Ultimate… fin da allora apprezzai la qualità costruttiva e l’attenzione all’estetica e al dettaglio, tutte cose che mi fecero apprezzare il lavoro e cominciare a seguire l’azienda. Di tempo ne è passato da allora e Ricable ha fatto tanti passi avanti… l’ultimo è questo cavo USB per la musica liquida. Ma andiamo a vedere com’è nel dettaglio!

Ricable Review Adriano
Ricable Review Adriano
Cosa pensi della costruzione
e dell’estetica
del prodotto?

Già vedere la scatola esterna del cavo USB Magnus dà una sensazione piacevole di avere acquistato qualcosa di importante. Andando a fare l’unboxing questa sensazione viene confermata e amplificata. La costruzione estetica è impeccabile, con una ottima calza colorata molto resistente e i connettori USB placcati oro ottimamente protetti da una spessa guaina di gomma. Quello che sorprende è la estrema flessibilità del cavo nonostante lo spessore notevole, cosa importante soprattutto per chi come me ha poco spazio tra elettroniche e muro posteriore. Andando a informarmi sulla costruzione interna di questo cavo noto con piacere che vengono rispettati gli standard USB (cosa che non tutti i produttori dichiarano), come ad esempio l’impedenza caratteristica dei conduttori. Vedo anche che grazie al dielettrico usato e alla particolare geometria vengono eliminati possibili effetti di cross talk (interferenze elettriche tra conduttori adiacenti), capacità e induttanz sonoa ridotte al minimo. Tutte cose che concorrono a diminuire il più possibile fenomeno di jitter.

Come hai svolto le prove? Quali brani hai utilizzato per mettere alla prova il cavo?

Per quanto riguarda la metodologia eseguita nei test, il cavo è stato confrontato con altri due cavi di marche note al cui ascolto sono abituato da tempo. Quando eseguo questo tipo di prove in genere e in questo caso, anche, uso il brano Sultan of Swing per valutare il senso del ritmo, gli attacchi degli strumenti e la risposta ai transienti che il cavo sa restituire, mentre uso l’album Unplugged di Erick Clapton e alcune tracce di Battiato per valutare le voci maschili. Per le voci femminili ho usato The Book of Love di Diana Krall.

diana krall the look of love
Ricable Review Adriano
Quali sono state le tue
impressioni di ascolto?

Passando all’aspetto più importante, bello sì, ma come suona? Dannatamente bene.
Intendiamoci, parliamo di cavi, di fine tuning, quindi parliamo di sfumature di differenze che solo un buon impianto messo a punto a monte può restituire… ma sono quelle differenze, quella ciliegina sulla torta che noi audiofili inseguiamo di continuo. A prescindere dal brano utilizzato nelle prove, quello che ho notato è stato un aumento della profondità della scena sonora e una separazione degli strumenti eccezionale, cosa probabilmente ottenuta grazie alla presenza delle quattro schermature presenti nel cavo che rendono il segnale pulito ed esente da qualsivoglia disturbo elettrico. Sul brano rock ottimi il senso del ritmo restituito da questo cavo, così come la precisione degli attacchi della batteria. Non c’è traccia di spigolosità sugli estremi acuti pur mantenendo un’ariosità degli strumenti molto piacevole, una brillantezza nel senso di chiarezza del messaggio musicale mai stancante. La voce di Clacson risulta granitica al centro dei diffusori e quella della Krall soave come non mai.

Le tue conclusioni.

In conclusione posso dire che questo cavo è l’ennesima prova che questa azienda sa cosa vuole fare e soprattutto sa come farlo. Sento di consigliarlo a chiunque voglia ottenere il massimo dal proprio DAC in termini di suono, ma anche il meglio dal proprio impianto anche da un punto di vista di appagamento dell’occhio e della consapevolezza di aver comprato qualcosa di ben fatto.

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa ti è piaciuto?

– Costruzione interna
– Aspetto estetico
– Flessibilità del cavo

Icons made by Freepik from www.flaticon.com

Cosa miglioreresti?

– Niente da segnalare


Articoli correlati

  1. Maurizio ha detto:

    Ho già diversi cavi di potenza e segnale vostri. Mi trovo bene, sono di ottima qualità.

    1. Ricable ha detto:

      Buongiorno Maurizio, grazie mille, ci fa molto piacere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *